Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
19 giu 2022

Morì per il sangue infetto, risarcimento dopo 50 anni

Trasfusione letale per Epatite C, ora la Corte d’Appello condanna Comune e Ministero a pagare oltre 300mila euro. Il caso finisce in Consiglio

19 giu 2022
francesco scolaro
Cronaca
Foto LaPresse/Stefano Cavicchi 
07/09/2017 Brescia, Italia 
cronaca 
Malaria, controlli all'ospedale Civile di Brescia.
Nella foto: ricercatori dell'ospedale Civile di Brescia impegnati nel controllo di sacche di sangue dei pazienti
Una trasfusione
Foto LaPresse/Stefano Cavicchi 
07/09/2017 Brescia, Italia 
cronaca 
Malaria, controlli all'ospedale Civile di Brescia.
Nella foto: ricercatori dell'ospedale Civile di Brescia impegnati nel controllo di sacche di sangue dei pazienti
Una trasfusione

Massa Carrara, 20 giugno 2022 -  Morì per due trasfusioni di sangue infetto da epatite C all’ospedale di Massa alla fine degli anni ’70 e solo nei mesi scorsi la Corte di appello del Tribunale di Genova ha riconosciuto il danno da perdita del rapporto parentale al figlio. Ed ha condannato in solido il Comune di Massa e il Ministero della Salute a pagare 252.375 euro di danni oltre interessi legali, rivalutazione e spese legali che portano la cifra a oltre 300mila euro. Un debito fuori bilancio per palazzo civico che passerà al voto del consiglio comunale nelle prossime ore e che, di fatto, deve essere approvato in quanto tale perché derivante dalla sentenza, per evitare eventuali riscossioni coattive. Una storia quindi che arriva da lontano. Era l’autunno del 1977. La signora fu allora ricoverata al reparto di chirurgia dell’ospedale di Massa fino alla metà di ottobre. In quello stesso periodo subì due trasfusioni di sangue a distanza di pochi giorni. Tutto sembrava essere andato per il meglio. La donna fu dimessa ma in seguito fece la brutta scoperta: scoprì di aver contratto l’infezione da epatite C e si ammalò di epatocarcinoma cagionato proprio dall’epatite C cronica. Una malattia senza via di fuga che la perseguitò fino a causarne il decesso nel 2008. Secondo la Corte di Appello di Genova il nesso di causalità tra emotrasfusione e decesso sussiste perché è stata la stessa Asl1 di Massa Carrara a riconoscere al figlio e al fratello il beneficio previsto dalla legge del 1992, un indennizzo a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile dovuti a vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazioni di emoderivati. Nesso causale, inoltre, fra emotrasfusione ed epatite e fra questa e il decesso che sarebbe suffragato pure dal verbale del medico legale della commissione medica ospedaliera della ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?