Le piccole Ale e Indian nate a Massa Poveromo sono tornate in mare

Dopo l'attesa, le prime due tartarughe Caretta Caretta sono emerse dal nido massese. I volontari attendono il resto della banda e vigilano di notte con luce rossa per non interferire con l'orientamento.

C’è voluto tempo ma alla fine l’attesa è stata ripagata. Il nido massese, il secondo in terra apuana di questa estate, ha regalato le prime emozioni nella tarda serata di giovedì quando le piccole tartarughe hanno iniziato a sbucare dalla sabbia. Le prime due piccole Caretta Caretta sono state ribattezzate Ale e Indian. Impresa non facile per le 2 appena nate, attirate spesso dalla luce della strada hanno impiegato un po’ di tempo prima di raggiungere le onde. E sono state le prime due schiuse di un nido che per ora promette bene: ieri mattina le piccole tartarughe sono emerse dalla sabbia con il sole già alto per cercare di raggiungere il mare. Il nido è quello inizialmente trovato al Bagno Schiller e poi arretrato al Fosso Poveromo con il supporto di Tartamare. Da giovedì sera i volontari aspettano ‘il resto della banda’ e di notte è obbligatoria la luce rossa per non interferire troppo con l’orientamento delle tartarughe ma non sono escluse uscite anche di giorno.