Carrara 21 aprile 2017 - Strage nel cuore della notte. Erano circa le 3,30 di sabato 21 aprile quando un'auto, una Y10, con a bordo cinque ragazzi giovanissimi si è schiantata mentre percorreva viale Da Verrazzano. L'urto è stato terribile e quattro ragazzi sono morti sul colpo, il quinto (Stefano Bozzini, 19 anni, residente a Luni, in provincia della Spezia) è stato portato d'urgenza al Noa ma non in gravi condizioni. Sul posto, oltre al personale medico del 118, sono intervenuti polizia, carabinieri, guardia di finanza e vigili del fuoco. La strada è stata chiusa a lungo per consentire le operazioni di soccorso. 

image

A perdere la vita due giovani di Carrara: 21 anni il ragazzo e 19 la ragazza. Oltre a loro sono deceduti due giovani inglesi di 35 e 29 anni che lavoravano per lo stabilimento Nuovo Pignone di Massa. Si trovavano in Italia solo da qualche mese. Tra i due inglesi e i ragazzi di Carrara non risulta ci fosse una conoscenza precedente, gli impiegati del Nuovo Pignone si trovavano sulla Y10 dopo aver accettato un passaggio. 

image

I giovani rientravano a casa dopo aver trascorso la serata in un locale della zona. Tra le possibili cause dell'impatto mortale l'alta velocità. L'incidente è avvenuto in prossimità di un curvone appena oltrepassato il ponte sulla foce del fiume Carrione, lungo il viale da Verrazzano che costeggia il porto di Marina di Carrara.

La Y10 sarebbe finita contro una cancellata e un muro di cemento: non è escluso che il conducente abbia perso il controllo della vettura dopo aver urtato il cordolo di un'aiuola. Non tutte le vittime, secondo quanto poi emerso, sono state sbalzate fuori dall'abitacolo: i vigili del fuoco sono intervenuti per estrarre due persone rimaste incastrate tra le lamiere. Le salme sono state trasportate all'obitorio dell'ospedale di Carrara a disposizione della magistratura.