Il Muraglione cambia gestione: "Pieni di entusiasmo"

Il Tennis Club Muraglione di Carrara, con una nuova gestione e tanti progetti, sta vivendo una nuova avventura. La struttura conta quattro campi in terra battuta e tre in erba sintetica, con l'intenzione di trasformarne due in superficie sintetica veloce. La squadra parteciperà al campionato di D3 maschile e si sta sviluppando anche una scuola tennis.

Il Muraglione cambia gestione: "Pieni di entusiasmo"

Il Muraglione cambia gestione: "Pieni di entusiasmo"

Ha una tradizione cinquantennale ma in queste settimane sta tornando a nuova vita con una nuova gestione, tante idee e tanti progetti. E’ il tennis club Muraglione partito per una nuova avventura iniziata negli stessi giorni del dilagare della tennismania con le imprese della nazionale in coppa Davis e poi con il recentissimo successo di Sinner nella terra dei canguri. Al timone della nuova avventura ci sono due giovani, Matteo Baldoni e Rebecca Degl’Innocenti, pieni di entusiasmo. Nei primi anni ’50 esiste già un ristorante, ma sono del 1973 i primi campi da tennis (cinque) ai quali se ne aggiungono altri due nel 1989. Oggi la struttura conta quattro campi in terra battuta e tre in erba sintetica ma per due di loro in programma c’è la trasformazione in superficie sintetica veloce. Nella stagione invernale quattro campi (tre in terra battuta e uno in sintetico) vengono coperti. "Cureremo l’attività agonistica partecipando al campionato a squadra di D3 maschile, ai tornei giovanili e per adulti, mentre sta nascendo anche la scuola tennis" spiega Baldoni che intanto ha ottenuto la affiliazione alla Fit, la federazione nazionale del tennis, mentre è iniziato anche il tesseramento del nuovo anno che, tra uomini e donne, al momento è arrivato ad una cinquantina di iscritti.

ma.mu.