’Giovi Pan’, magia e inclusione. Un saggio di grande successo

Al Teatro dei Servi lo spettacolo della scuola ’Danza col cuore’. Parte del ricavato ad Autismo Apuania

’Giovi Pan’, magia e inclusione. Un saggio di grande successo

’Giovi Pan’, magia e inclusione. Un saggio di grande successo

La magia, l’emozione, la fantasia, la poesia dei gesti, l’espressività dei movimenti, la mimica e gli sguardi di gioia sono stati la cornice di uno spettacolo che ha lasciato il segno nel cuore di quelli che hanno avuto la fortuna di essere presenti. Al Teatrino dei Servi si è alzato il sipario sul saggio di fine anno intitolato ’Giovi Pan’ della scuola ’Danza col cuore’ della maestra Maria Aurelia Cornali (per gli alunni Marilia) di viale Chiesa a Massa. In una sala gremita, i 26 allievi hanno trasportato il pubblico in un mondo fiabesco in cui tutti raccontavano una storia, quella di Peter Pan (interpretato da Giovanni Angeloni). Parole velate di entusiasmo e gioia per Roberto Marrai, presidente dell’Associazione Autismo Apuania: "Sono tornato a casa con la gioia nel cuore, tanta gioia, tanta consolazione e molta speranza – ha detto –. Sono stati 90 minuti di puro piacevolissimo divertimento. Ero stato invitato dalla maestra Marilia e dalla signora Marta nella mia veste di presidente dell’associazione poiché parte del ricavato dalla vendita dei biglietti sarebbe stato donato per supportare i nostri progetti. Ma c’è dell’altro: Peter Pan era impersonato, ballato e recitato da Giovanni, un ragazzo autistico di 13 anni che da 6 frequenta la scuola di Marilia. Ebbene Giovanni, con la sua sorellina Aurora, ha attraversato tutti i quadri dello spettacolo danzando con gli altri allievi in una narrazione fluida e piacevole".

La stessa vivida emozione nelle parole della maestra Marilia: "Solo 6 anni fa, Giovanni restava in palestra per non più di 10 minuti. Lì ha incontrato una realtà accogliente, aperta, inclusiva che gli ha dato l’opportunità di superare il proprio autismo vivendo in mezzo agli altri". Quello che è emerso dallo spettacolo è stata la testimonianza che autismo non è simbolo di esclusione ma di possibilità. Un obiettivo ottenuto con la perseveranza, l’impegno e la determinazione, l’amore della mamma Marta e della maestra Marilia e Giovanni ha fatto il resto. Al Teatrino dei Servi ho visto un artista che si fondeva con altri artisti. Bravissimo Peter (Giovanni) e bravissimi i suoi compagni di scuola, tutti preparati, emozionanti e coinvolgenti nei balletti e nelle scene messe in atto. Si sono alternati in vari ruoli dando a ciascuno voce e anima imprimendo nei personaggi colore e vita. Ora la speranza è di rivederli tutti ancora per altre iniziative.

Ecco il cast che si è cimentato in vari ruoli: Giovanni Angeloni (Peter Pan), Aurora Angeloni (Trilly), Anita Crupi (Wendy), Marta Morelli (mamma di Giovanni e Aury – comparsa), Sabrina Ciuffi, Cristina Scarano, Anna Manfredi, Gaia Mazzei (fata-pirata), Maria Pieraccini (mamma di Wendy, gabbiano, indiano), Asia Santoro (gabbiano, indiano, pappagallo), Gaia Zoppi (gabbiano, coccodrillo), Lavinia Carbone (fata, Hook), Elettra Abbamonte , Arianna Manfredi, Martina Bonuccelli, Brianna Manfredi, Nina Nadotti, Olivia Nadotti , Sante Pizzelli (bimbo sperduto), Aurora Arace, Lea Berti, Vanda Pizzelli, Klea Rrmoshi (sirena e bimbo sperduto) , Ilaria Bianchi (ombra, gabbiano, capo indiano) Emma Ballerini (pianeta, giglio tigrato), Elena Scebba (Spugna), Matilde Ditaranto, Giulia Sofia Guidi (pianeta).

Vittoria Bertelloni