Equipaggio Open Arms incontra studenti a Carrara: Umanità, naufragi e Stato di Diritto

L’equipaggio incontra gli studenti

L’equipaggio incontra gli studenti

carrara

La Open Arms è ferma nel porto apuano, così nasce l’incontro tra studenti e attori del settore che si terrà giovedì, dalle 9 alle 12, in Comune. Un fermo amministravo trattiene la nave a Marina e dal 4 ottobre, a seguito dello sbarco di 176 migranti, si è trovata a fare la spola tra rada e ormeggio alla banchina Buscaiol. Reduce dall’altro fermo, quello del 22 agosto, dove sempre il decreto Piantedosi l’ha bloccata in porto per 23 giorni colpevole di aver effettuato troppi soccorsi in mare. Da questo nasce l’evento organizzato dalle associazioni’Casa Betania’ e ‘Zaccagna ieri e oggi’ che "considerata la presenza, suo malgrado, nel porto carrarese - spiegano gli organizzatori-, abbiamo pensato che potesse essere utile, per informare meglio i nostri studenti con la viva voce dei protagonisti, tenere un incontro sul tema ’Umanità, naufragi e Stato di diritto’". All’evento, rivolto agli studenti delle scuole superiori della provincia, saranno presenti la sindaca Serena Arrighi, l’ex docente Riccardo Canesi, la responsabile di ‘Casa Betania’, Sara Vatteroni, un componente dell’equipaggio Ricardo Barriuso Leoz e la responsabile educazione di Open Arms, Francesca Loupakis. "L’incontro ha quale finalità una migliore conoscenza delle Ong del mare - proseguono gli organizzatori -, delle loro attività, dei loro finanziatori, del diritto internazionale, dei diritti e degli obblighi di chi naviga. Considerato il limitato numeri di posti, invitiamo le scuole a partecipare con un massimo di 20 studenti e a comunicare al più presto la loro adesione. Si comunica che le iscrizioni saranno accolte fino ad esaurimenti posti. Per confermare la partecipazione, occorre scrivere a [email protected]". La nave della ong spagnola dovrebbe riprendere il largo lunedì 23, termine del fermo amministravo al quale si affianca una multa di 3mila 300.