Muore poliziotto in un incidente in moto, scontro con un’auto. Lascia due figli

Massa, lutto per la scomparsa dell’agente delle Volanti Alessandro Giandomenici. Inutile ogni tentativo di rianimazione. Lavorava al commissariato di Carrara. Stava raggiungendo alcuni amici biker quando c’è stato lo scontro

Un'ambulanza e, nel riquadro, la vittima dell'incidente, Alessandro Giandomenici. Era in sella alla sua moto quando c'è stato l'incidente

Un'ambulanza e, nel riquadro, la vittima dell'incidente, Alessandro Giandomenici. Era in sella alla sua moto quando c'è stato l'incidente

Massa, 14 giugno 2024 – Lutto a Carrara per la morte di un poliziotto, Alessandro Giandomenici, 53 anni. L’uomo ha avuto un incidente a Massa, mentre si stava dirigento verso Carrara.

Era un sella alla sua moto quando è caduto dopo lo scontro con un’auto. Saranno adesso gli agenti della polizia municipale a ricostruire la dinamica. L’impatto è stato fatale e ogni tentativo di rianimazione inutile. 

Giandomenici in una foto postata dal gruppo di appassionati di moto "Apuania Bikers"
Giandomenici in una foto postata dal gruppo di appassionati di moto "Apuania Bikers"

E’ accaduto nel pomeriggio di giovedì 13 giugno. Immediati i soccorsi chiamati dagli automobilisti e dai passanti. Per Giandomenici non c’è stato niente da fare. Giandomenici lascia la compagna Sabrina e due figli. 

Profondo il cordoglio nel mondo della polizia per la scomparsa dell’agente. Grande appassionato di moto, a piangerlo sono tanti biker. Quelli con cui organizzava escursioni e serate in sella alla due ruote. “Ci hai lasciato ad aspettarti, con un "arrivo" che abbiamo letto mille volte e mai smetteremo di farlo – si legge sulla pagina Facebook Apuana Bikers – Sei stato speciale e nessuno di noi, MAI, riuscirà a dimenticarti....”.

Giandomenici era da poco tornato da un viaggio in Normandia, dove aveva partecipato alle commemorazioni del D-Day, che si sono svolte nei giorni intorno al 6 giugno. Un tour dei luoghi dello sbarco che aveva fatto insieme al figlio. Giorni spensierati che hanno preceduto il tragico incidente. 

Erano le 19 quando c’è stato lo scontro, poi risultato fatale per il poliziotto. Aveva appena detto proprio agli amici motociclisti “Sto arrivando”. Doveva infatti incontrarsi con loro. Poi l’incidente. C’è stato un tentativo di trasporto all’ospedale Noa, dove l’uomo sarebbe poi morto. La salma si trova adesso a medicina legale per l’eventuale autopsia.