Ponte all’Abate, dibattito "caldo". Richiesto tavolo per la viabilità: "Lavori urgenti, serve sinergia"

L’appello del sindaco di Villa Basilica Giordano Ballini: "Necessario il doppio senso di marcia in via di confine"

Ponte all’Abate, dibattito "caldo". Richiesto tavolo per la viabilità: "Lavori urgenti, serve sinergia"

Ponte all’Abate, dibattito "caldo". Richiesto tavolo per la viabilità: "Lavori urgenti, serve sinergia"

Necessario il doppio senso, in un contesto di sinergia e di condivisione. Il neo eletto sindaco di Villa Basilica, per la terza volta ovviamente non consecutiva, Giordano Ballini interviene sul disagio sempre crescente derivante dai lavori, cominciati lunedì scorso, al ponte di Ponte all’Abate e dalla viabilità alternativa che i cittadini sono costretti a percorrere.

"Non si contano ormai le volte che come amministratori ci siamo seduti attorno al tavolo con le amministrazioni di Capannori e Pescia, insieme alle Prefetture di Lucca e Pistoia e alle Province di Lucca e Pistoia, per sciogliere i nodi della viabilità. Gli ultimi, in ordine di tempo, si sono tenuti a gennaio e abbiamo fatto presente con forza che la chiusura del ponte a Ponte all’Abate avrebbe creato non pochi problemi ai cittadini e alle aziende. Come volevasi dimostrare, il malcontento è sempre più forte. Avevamo chiesto, almeno per tutta la durata dei cantieri, di ripristinare il doppio senso di marcia su via di confine: così facendo si sarebbe creato uno scorrimento più fluido e un tempo di percorrenza decisamente ridotto. Così non è stato. L’amministrazione di Pescia non ha ascoltato le nostre richieste e ora ci sono disagi sempre crescenti, viaggi infiniti da e per Villa Basilica, traffico sempre meno gestibile. Torniamo a chiedere la convocazione di un tavolo - conclude Ballini - che metta a confronto tutti gli enti coinvolti , chiediamo che via di confine venga riaperta al doppio senso di circolazione e soprattutto chiediamo un cambio di approccio. Tutti possiamo collaborare per la serenità e il benessere dei cittadini, ma serve sinergia, condivisione e la volontà di comprendere le reali esigenze di tutto il territorio".

L’intervento durerà circa 7 mesi e potrebbe quindi terminare nel 2025. Previsti percorsi alternativi. Per i residenti di Capannori, via delle Fornacette a Lappato resterà percorribile nei due sensi di marcia. Per i mezzi pesanti provenienti da Lucca e diretti verso Collodi e Villa Basilica, e viceversa, quelli diretti verso Capannori e Lucca dovranno utilizzare l’autostrada A11 e servirsi del casello di Chiesina Uzzanese, sia in entrata che in uscita.

Massimo Stefanini