Le mostre a Palazzo Ducale. Giani promette impegno per il prossimo “Museo“

All’inaugurazione il presidente della Regione si prende l’impegno con Pardini. Nelle sale spicca l’arte fantasy di Luis Royo e Romulo Royo, padre e figlio.

Le mostre a Palazzo Ducale. Giani promette impegno per il prossimo “Museo“

Le mostre a Palazzo Ducale. Giani promette impegno per il prossimo “Museo“

Pronti, via! Con l’inaugurazione delle mostre di Palazzo Ducale è iniziata ufficialmente la 57a edizione di Lucca Comics & Games. A tagliare il nastro, al fianco del sindaco di Lucca Mario Pardini, il presidente della Regione Eugenio Giani, il rappresentante della Provincia Patrizio Andreuccetti, l’amministratore unico di Lucca Crea Nicola Lucchesi e il direttore di Lucca Comics & Games Emanuele Vietina, insieme ai curatori delle mostre. Tutti gli interventi, nella presentazione svoltasi nella Galleria delle Statue, hanno soprattutto sottolineato, riferendosi al claim “Together“ di questa edizione, l’importanza del lavoro congiunto di staff, istituzioni, forze dell’ordine e della città stessa per offrire un prodotto sempre migliore, in grado di promuovere Lucca nel mondo come centro di cultura, di accoglienza, di inclusione e di pace, dove si sta tutti insieme nella diversità di ognuno.

Giani ha assicurato inoltre al sindaco e allo staff di Lucca Crea il suo "impegno personale e della Regione per creare a Lucca, più che un museo, un centro permanente dedicato al fumetto, al gioco e tutto quello che offre la manifestazione un modo da garantire per tutto l’anno continuità di proposte per il pubblico". Il sindaco lo ha naturalmente ringraziato, confermando che "mai la Regione è stata così vicina a Lucca Comics & Games.

Tra gli ospiti dell’inaugurazione, due dei protagonisti delle mostre, Luis Royo e Romulo Royo, padre e figlio, che hanno ringraziato gli organizzatori e definito Lucca come "la capitale del fantasy". In mostra, in “Art generation“ oltre 80 opere buona parte delle quali di grandissime dimensioni, mai esposte prima e che si ispirano alle opere di Goya.

Molto significativa, in questo momento storico di guerra, la “personale“ dei gemelli Asaf & Tomer Hanuka, autori a quattro mani del poster di Lucca Comics & Games 2023. I due artisti di origine ebraica ma anche araba affrontano infatti il tema della convivenza tra le due etnie, in realtà spesso fuse come nel loro caso. Si passa poi a Garth Ennis, con “Till the End of His Words“, nativo di Belfast ma ormai cittadino di New York, autore per Marvel, con alcuni lavori adattati per la tv. “This Time is Different“ è dedicata a Usamaru Furuya, una delle voci più interessanti del fumetto giapponese contemporaneo.

Poi, la forte “AkaB: Qui non esiste morale“, con l’irrequieta, intensa e controversa’opera di AkaB (Gabriele di Benedetto, 1976-2019), maestro del Fumetto ai Lucca Comics Awards 2020, tappa fondamentale nella storia del fumetto italiano degli ultimi 30 anni. E ancora, “Amélie Fléchais: Sentieri smarriti, sentieri ritrovati“, che espone le opere della character designer, animatrice, illustratrice, fumettista francese, che sarà per la prima volta a Lucca con la più grande mostra a lei dedicata, la prima in Italia. Infine, “Fumetti nei Musei | La terza edizione in mostra“, che svela per la prima volta copertine e tavole dei nuovi diciassette racconti ambientati nei luoghi della bellezza italiana, per il progetto del Ministero della Cultura, in collaborazione con la casa editrice Coconino Press - Fandango.

Le mostre saranno a ingresso libero da oggi al 31 ottobre (martedì-sabato: ore 15-19, domenica: ore 10-13 15-19). Dal 1° al 5 novembre l’accesso sarà consentito ai soli possessori del biglietto di ingresso del festival (orario 919).

Paolo Ceragioli