Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
8 gen 2022

Il caro-energia spinge le aziende sul baratro

Pieretti (Confindustria): "Forte preoccupazione: non escludo che qualche azienda del nostro territorio debba fermare la produzione"

8 gen 2022
Tiziano Pieretti, vicepresidente con delega all’energia di Confindustria
Tiziano Pieretti, vicepresidente con delega all’energia di Confindustria
Tiziano Pieretti, vicepresidente con delega all’energia di Confindustria
Tiziano Pieretti, vicepresidente con delega all’energia di Confindustria
Tiziano Pieretti, vicepresidente con delega all’energia di Confindustria
Tiziano Pieretti, vicepresidente con delega all’energia di Confindustria

"C’è una forte preoccupazione: non escludo che qualche azienda del nostro territorio debba fermare la produzione per le ricadute del prezzo del gas, non posso assolutamente escluderlo": Tiziano Pieretti, vicepresidente con delega all’energia di Confindustria Toscana Nord nonché presidente della sezione Carta e Cartotecnica degli industriali, non nasconde che l’attuale crisi energetica con i prezzi letteralmente impazziti siano un rischio che anche le aziende del nostro territorio non possono a lungo sopportare. Il gas, principale risorsa energetica per molti comparti produttivi, è al centro di folle corsa al rialzo. Pieretti, cosa sta succedendo circa l’approvigionamento delle materie energetiche? "Facciamo i conti con un meccanismo che cambia di giorno in giorno, con grandi oscillazioni legate prima di tutto alla speculazione e alla situazione generale: in pochi giorni accade quello che non era successo in anni. Difficile per le aziende lavorare in queste condizioni". In che misura si sono verificati aumenti? "In un inverno "normale" le oscillazioni a metro cubo andavano da 20 a 35 centesimi, con il prezzo complessivo della produzione che veniva influenzato al massimo per il 30 per cento dal costo dell’energia; oggi lo scenario ci ha portato a prezzi massimi pari a 1,80 euro al metro cubo e minimi di 65 centesimi. Oltre ai prezzi è la volatilità degli stessi a rendere drammatica la situazione". Manca il gas o è solo un problema di prezzi? "Il prezzo dipende da molte cause, compresi gli stoccaggi che da tante parti non sono stati ampi; poi c’è la questione North Stream 2 con il braccio di ferro tra la Germania e la Russia, un progetto che è destinato a risolvere prima di tutto proprio l’uscita dal nucleare dei tedeschi, ma che ci creerà altra dipendenza da questi ultimi". Da più parti si ipotizzano chiusure temporanee degli stabilimenti per evitare i picchi dei costi. "Sì c’è il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?