I paletti della discordia. Accuse su collocazione, colore e sicurezza

Sono posti a delimitazione del marciapiede lungo il fiume sul viale di Ponte a Serraglio, nei pressi dal Casinò Municipale.

I paletti della discordia. Accuse su collocazione, colore e sicurezza

I paletti della discordia. Accuse su collocazione, colore e sicurezza

Fa discutere la posa dei paletti colorati per la delimitazione del marciapiede lungo il fiume sul viale di Ponte a Serraglio, nei pressi dal Casinò Municipale. In questi giorni si sprecano i commenti negativi della gente riguardo a questo lavoro, allestito dalla Provincia, in quanto trattasi di un tratto di strada provinciale (via Val Lima), che da Fornoli va a Ponte a Serraglio. Anche su alcune pagine Facebook rimbalzano le prese di posizione critiche. Varie sono le motivazioni della protesta, a cominciare dall’estetica della colorazione dei paletti (bianco/rossi), che vengono ritenuti inadatti, quasi "un pugno nell’occhio", per uno scorcio storico come quello di Ponte a Serraglio. Altro punto di criticità espresso in generale dai cittadini riguarda la riduzione dello spazio degli stalli di sosta per le vetture al lato strada, in quanto, si sostiene, la collocazione dei paletti al limite del marciapiede restringe il parcheggio nell’area delimitata. Infine ne viene criticata la pericolosità, in quanto trattasi di paletti ad altezza d’uomo che, a detta di molti, potrebbero diventare delle vere e proprio lance per malcapitati motociclisti che ci finissero sopra in caso di incidente.

L’intervento è svolto da una ditta incaricata dalla Provincia secondo le disposizioni di sicurezza indicate dal nuovo codice della strada. Con il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici del Comune di Bagni di Lucca, Sebastiano Pacini, facciamo il punto della situazione. "Come Comune - spiega Pacini - avevamo sollecitato, già da tempo, la Provincia, a farsi carico della sistemazione della viabilità di sua competenza lungo via di Lima, in particolare, per quanto riguarda la zona di Ponte a Serraglio, del marciapiede lungo il fiume, compresa anche la ringhiera in ferro ormai degradata lungo quel tratto. La Provincia ha già stanziato circa 100mila euro in fase progettuale, dopo avere effettuato tempo fa i carotaggi lungo la strada".

"A questo punto - aggiunge il vicesindaco - ho chiesto al dirigente responsabile dell’area tecnica della Provincia la disponibilità ad organizzare insieme un incontro pubblico, da tenere al Casinò, per informare dettagliatamente la cittadinanza del progetto complessivo per il quale dovranno essere reperiti i finanziamenti. Sarà nostra premura, a breve, avvisare la popolazione sulla data della riunione".

Marco Nicoli