E’ già tempo di carnevale. Porcari, prima sfilata il 14

Quest’anno la Pasqua cade molto ”bassa” (31 marzo) e dunque si anticipano i calendari delle due principali manifestazioni della Piana: Marlia e il Carnovale.

E’ già tempo di carnevale. Porcari, prima sfilata il 14
E’ già tempo di carnevale. Porcari, prima sfilata il 14

PIANA

Non siamo ancora usciti da tutte le festività natalizie e già si parla della seconda festa più importante dell’anno. Sì, perché nel 2024 la Santa Pasqua sarà "bassa", come si suol dire, cadendo il 31 marzo. Anche le date dei Carnevali dovranno adeguarsi, anticipando notevolmente.

Nella Piana i due più seguiti sono quelli di Marlia e di Porcari. A Marlia, dove non ci sarà più la sfida tra rioni ma si farà una sinergia tutti insieme, date già ufficiali: 21-28 gennaio, 4-11-18 febbraio con questa domenica però utilizzata come jolly. Nel senso che è una riserva in caso di maltempo delle domeniche precedenti. Se tutto filerà liscio si chiude l’11 febbraio. A Porcari si parte addirittura domenica 14 gennaio, stesse date senza ma senza il 18 febbraio come riserva, per tradizione infatti il Carnovale porcarese di solito non finisce mai oltre le Ceneri che scattano il 14 febbraio. Tutto molto anticipato. Entrambi hanno una storia ultradecennale. Porcari si avvicina al mezzo secolo. Marlia festeggia in questo 2024 l’edizione numero 120. Infatti le prime notizie certe del Carnevale a Marlia risalgono al 1904.

Nel 1909 per la prima volta fu dato l’avvio al corso mascherato, il percorso di svolgeva dal "Catraccio" a Santa Caterina e nei pressi del piazzale della Chiesa si ergevano i palchi per gli spettatori di riguardo. Nel 1928 fanno la comparsa i carri lavorati con gesso e carta".

Nel 1930 il percorso viene modificato, va dalla Piaggiola alla Piazza del Monumento ai Caduti. I primi carri allegorici erano costruiti semplicemente e trainati da buoi. Questa formula è andata avanti fino la 1956 poi, per mancanza di volontari e di spazi c’è stato uno stop alla sfilata dei carri. Il Carnevalmarlia come lo conosciamo oggi, rinasce nel 1978. Il corso mascherato si svolge da piazza del Mercato lungo Via Paolinelli, nel primo periodo c’è anche la presenza di una struttura per spettacoli all’interno del marcato "Il Tendone" come tutti lo chiamavano, un teatro tenda di un circo dove si organizzavano feste e spettacoli durante le sfilate e dove si sono esibiti nei vari anni i Ricchi e Poveri, Pupo, Gigi e Andrea, Iva Zanicchi, Riccardo Fogli, Donatella Rettore, Gianni Morandi, Altri tempi.

Massimo Stefanini