Capitaneria in azione
Capitaneria in azione

Livorno, 19 giugno 2015 - Anche per quest’estate le Capitanerie di porto con la Guardia Costiera si impegnano con l’operazione “Mare Sicuro” a rafforzare la vigilanza e i servizi di assistenza e soccorso per i bagnanti e per la piccola nautica. Ieri a Roma il comando generale ha presentato, in un incontro nella propria sede alla presenza del ministro Graziano Delrio, l’operazione “Mare sicuro 2015”, che coincide con il 150° anniversario della fondazione del Corpo. L’ammiraglio ispettore Capo Felicio Angrisano ha riferito che nella stagione estiva ormai alle porte la Guardia Costiera opererà da giugno a settembre con 3 mila uomini e donne ed oltre 300 mezzi nautici lungo tutte le coste e le isole, compresi i laghi di Garda e Maggiore. Lo schieramento ha come principale obiettivo la salvaguardia della vita in mare, la tutela dei bagnanti e delle attività nautiche lusorie, e il rispetto delle normative. ra le varie iniziative viene replicata quella del “Bollino blu” che consente a chi è stato visitato per la verifica delle dotazioni di sicurezza di non essere sottoposto (sia pure a discrezione dei vari mezzi navali) ad altri controlli in mare.

PER LA FASCIA costiera della Toscana il contrammiraglio (Cp) Arturo Faraone, nella duplice veste di direttore marittimo regionale e comandante della Capitaneria di porto di Livorno, ha presentato l’operazione che parte da lunedi prossimo 22 giugno e si concluderà il 13 settembre. Nei mesi scorsi- ha detto l’ammiraglio- c’è stata una accurata preparazione del personale, che ha anche svolto attività fisica allenandosi sul campo. In Toscana saranno 13 le località costiere interessate con 11 postazioni, 25 motovedette e 50 militari, che utilizzeranno in particolare gommoni veloci per i controlli nella fascia costiera. Opereranno inoltre anche pattuglie da terra per il controllo della sicurezza sugli stabilimenti balneari e sulle zona di libera balneazione. Importante iniziativa anche quella anche dell’apertura degli uffici nei giorni prefestivi e festivi per svolgere attività amministrativa e di consulenza in particolare agli utenti della piccola nautica. Tutti i servizi- ha detto l’ammiraglio Faraone- puntano alla prevenzione, alla tutela della vita in mare, e a presentare il Corpo per la sua espressa missione legata alla soddisfazione dei cittadini nelle attività connesse al mare, in un quadro di sviluppo della cultura nautica. Le postazioni che opereranno da lunedi sono dislocate a Marina di Carrara, Viareggio/Forte ei Marmi, Marina di Pisa/Vecchiano, Castiglioncello/Vada, Cecina, San Vincenzo, Follonica, Marciana Marina, Marina di Campo, Porto Azzurro e Marina di Grosseto. Da Livorno opereranno ovviamente le motovedette maggiori con interventi a largo raggio.

In questo particolare periodo, che coincide con il 150° anniversario della fondazione del Corpo, ci saranno anche iniziative specifiche. Tra quelle annunciate dall’ammiraglio Faraone un convegno all’isola d’Elba il 10 luglio con la partecipazione di esponenti della vita culturale, professionale e giuridica legate al mare e alla navigazione.

A.F.