Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
5 ago 2022

Non soltanto ultras tra i 50 ’daspati’ Anche insospettabili professionisti

E’ arrivata la resa dei conti per gli scontri al Picco durante il match Spezia-Napoli del 22 maggio scorso. In corso la notifica delle denunce. Due mesi di indagini per procedere al riconoscimento dei facinorosi

5 ago 2022
massimo benedetti
Cronaca

di Massimo Benedetti E’ arrivata la resa dei conti per i protagonisti degli scontri, sia dentro lo stadio che fuori, avvenuti il 22 maggio scorso in occasione della partita Spezia-Napoli, nell’ultima gioranata del campionato di serie A dove entrambe le squadre non avevano più nulla da chiedere. Le indagini condotte dalla digos della questura spezzina, in collaborazione con i colleghi di Napoli, cooordinate dal procuratore capo Antonio Patrono che quel giorno era presente allo stadio, sono state chiuse e sono in corso di notifica oltre cinquanta daspo e denunce. La maggioranza riguarda tifosi del Napoli, una quarantina circa, che si sono resi protagonisti di episodi di violenza ripresi dalle telecamere di sicurezza dello stadio. Molti di loro che erano nel settore riservato agli ospiti della curva Piscina invasero il campo, armati di aste e bastoni, per andare allo scontro frontale con i supporters dello Spezia nel vicino settore. Qualcuno scavalcò il divisorio in vetro per colpire a cinghiate gli spezzini. La partita fu sospesa per 12’ e la notizia ha fatto il giro del mondo. Per procedere al riconoscimento, considerando anche che la maggior parte dei facinorosi avevano la testa coperta con cappucci, c’è voluto tempo. E un lavoro certosino. Ma dopo poco più di due mesi le indagini dirette dal vice questore Gianluca Cariola, dirigente della digos della Spezia e dai suoi ispettori ed agenti ormai espertissimi nei servizi allo stadio, con la collaborazione dei colleghi di Napoli, hanno prodotto il risultato sperato. Sarebbero infatti cinquantotto le persone riconosciute e ieri è arrivato il primo daspo di cinque anni per un tifoso napoletano di Jesolo, in provincia di Venezia. Si tratta di un cinquantenne che lavora come oss, ha moglie e figli ma evidentemente quando va allo stadio, si trasforma. Sarebbe uno di coloro che hanno partecipato agli scontri ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?