Torna con tantissime novità il Lerici Music Festival, tradizionale appuntamento con la musica classica, ideato dal maestro Gianluca Marcianò, che giunge quest’anno alla sua quinta edizione. L’appuntamento è dal 16 luglio al 7 agosto, con una settimana in più di eventi. "Lo scorso anno – spiega Marcianò – non ci siamo arresi ed abbiamo organizzato due settimane con musicisti solo italiani; ma quest’anno ritorniamo all’idea originale del festival e della sua orchestra in house formata da musicisti di tutto il mondo che accompagneranno grandi star della...

Torna con tantissime novità il Lerici Music Festival, tradizionale appuntamento con la musica classica, ideato dal maestro Gianluca Marcianò, che giunge quest’anno alla sua quinta edizione. L’appuntamento è dal 16 luglio al 7 agosto, con una settimana in più di eventi. "Lo scorso anno – spiega Marcianò – non ci siamo arresi ed abbiamo organizzato due settimane con musicisti solo italiani; ma quest’anno ritorniamo all’idea originale del festival e della sua orchestra in house formata da musicisti di tutto il mondo che accompagneranno grandi star della musica.

"Oltre ai grandi nomi che proponiamo quest’anno – come Andreas Ottensamer, Francesca Dego, Carmen Giannattasio, Yuja WAng e Khatia Buniatishvili – ci saranno molti amici che ritornano a Lerici e questo è bellissimo perché significa che il festival sta acquisendo una sua identità". Il programma prevede sei concerti per orchestra e 24 concerti da camera accompagnati dall’orchestra del Lerici Music Festival che riunisce giovani musicisti da tutto il mondo, per un totale di sessanta elementi. Una delle novità dell’edizione è rappresentata dall’approfondimento alla conoscenza degli strumenti musicali; da quest’anno e per le prossime edizioni verrà dedicata una settimana intera alla conoscenza di uno strumento in particolare che, per iniziare sarà il sassofono classico: musicisti del calibro di Philip Geiss suoneranno e faranno masterclass per studenti nel corso della settimana.

"Saranno diversi anche gli anniversari che si celebreranno nel corso di questo 2021 e noi renderemo omaggio a tutti, da Piazzolla a Stravinskij; da Dante con il ‘Dante in 3D’ di Luigi Maio a Saint Saens e da Buscaglione, a cui abbiamo dedicato la serata di apertura del festival in collaborazione con il festival del Jazz della Spezia in cui suonerà Peppe Servillo, a Caruso omaggiato dalla grande Carmen Giannattasio" continua il maestro Marcianò che spiega la volontà di allargare gli orizzonti del festival per portarlo a diventare un appuntamento culturale a tuttotondo rispolverando anche le famose serate letterarie dell’editore Bombiani tanto in voga a Lerici negli anni 60. "Ci sarà un appuntamento dal titolo ‘Who’s Me’ dedicato a Pasolini in cui musica e letteratura si fonderanno. e questo è anche il nostro obiettivo che porteremo avanti con la Fondazione Lerici Cultura". La Fondazione, altra novità dell’organizzazione, ha lo scopo di promuovere la cultura in generale e di supportare il festival e trova collaborazione e supporto oltre che nel Comune di Lerici anche nella Fondazione Carispezia che ha messo a disposizione la sua Villa Marigola per alcune delle date del festival. Gli eventi si terranno a Villa Marigola e nel parco di Villa Shelley ma anche nella neo acquisita casa della Contessa Carnevale a Pugliola.

Valeria Antonini