Una nuova casa per l’hockey. Ampliamento di via Mercurio. Il Comune partecipa alla gara

Progetto di riqualificazione approvato per 920mila euro: la capienza salirà a oltre mille posti. Osti (Cp Grosseto): "Gli sportivi potranno accedere ad un impianto più accogliente" .

Il Circolo Pattinatori Grosseto, la società di hockey che si sta affermando a livello nazionale, avrà un palazzetto degno di tale nome? Forse sì. E’ stato infatti approvato in linea tecnica dalla Giunta comunale lo studio di fattibilità tecnica ed economica dell’ampliamento dell’impianto sportivo polivalente di via Mercurio, in gestione proprio al sodalizio del presidente Stefano Osti. Il progetto di riqualificazione, per un quadro economico pari a 920mila euro, se finanziato, porterà al completamento e all’adeguamento dell’attuale pista di pattinaggio coperta, che potrà così finalmente ospitare eventi e competizioni agonistiche a livello nazionale e internazionale. Serve infatti, per continuare a disputare le partite del campionato di serie A1, una capienza di almeno 800 posti. Che sale a mille per le semifinali scudetto. "Un progetto ambizioso – commentano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l’assessore ai Lavori pubblici Riccardo Ginanneschi – che se finanziato potrebbe vedere la riqualificazione di una tra le realtà sportive più importanti in città. Il nostro ringraziamento va alla stessa società sportiva che quest’anno ha ricevuto il Premio sport e ambiente, per l’impegno profuso nei confronti dei giovani e della loro crescita, all’insegna del fair play e della sana competizione". Soddisfatto anche il presidente del Circolo Pattinatori Grosseto, Stefano Osti. "Sono molto contento di questo impegno che ha preso il Comune per tutta la Grosseto sportiva – ha detto il massimo dirigente dei maremmani – I problemi per disputare le partite infatti non solo solo i nostri, ma anche di tutti gli sportivi che finalmente, quando l’impianto sarà realizzato, potranno accedere in un impianto più accogliente. Mi auguro infine che scompaiano anche tutti i ’se’ che ha voluto sottolineare l’Amministrazione comunale: Grosseto ha bisogno di questo impianto e questa è l’occasione giusta".