Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
15 mag 2022

Sindacato UilPoste Segreteria tutta rosa

Elisa Pineschi è la nuova responsabile provinciale. Con lei Michela del Medico . e Susanna Piccoli

15 mag 2022
La nuova ’squadra’ al vertice del sindacato UilPoste Grosseto alla cui segreteria è stata eletta Elisa Pineschi
La nuova ’squadra’ al vertice del sindacato UilPoste Grosseto alla cui segreteria è stata eletta Elisa Pineschi
La nuova ’squadra’ al vertice del sindacato UilPoste Grosseto alla cui segreteria è stata eletta Elisa Pineschi
La nuova ’squadra’ al vertice del sindacato UilPoste Grosseto alla cui segreteria è stata eletta Elisa Pineschi
La nuova ’squadra’ al vertice del sindacato UilPoste Grosseto alla cui segreteria è stata eletta Elisa Pineschi
La nuova ’squadra’ al vertice del sindacato UilPoste Grosseto alla cui segreteria è stata eletta Elisa Pineschi

I lavoratori di Poste italiane iscritti alla Uil hanno rinnovato i loro organismi rappresentativi. Segretaria provinciale di UilPoste Grosseto è stata eletta Elisa Pineschi che porta in segreteria Michela del Medico e Susanna Piccoli. Grazia D’Auria, invece, è tesoriera provinciale. Vertice tutto al femminile, dunque, eletto al congresso di UilPoste cGrosseto che si è svolto pochi giorni fa. Il dibattito si è concentrato sui cambiamenti di Poste Italiane negli ultimi quattro anni e sulle evoluzioni accelerate dalla pandemia. Gli iscritti si sono confrontati su quali debbano essere le azioni che il sindacato deve mettere in campo per unire e muovere i lavoratori di Poste Italiane di fronte alle evoluzioni date dalla digitalizzazione e dallo sviluppo dell’e-commerce.

Eletta alla segreteria generale di Grosseto la nuova segretaria Elisa Pineschi, 43 anni, portalettere, con tanto entusiasmo per vivere la sfida di rappresentare i lavoratori, raccogliere le loro istanze, essere loro punto di riferimento per migliorare la qualità del lavoro.

"Da lavoratrice di Poste Italiane darò il massimo in questo nuovo e importante ruolo per rappresentare tutti i miei colleghi – dice la Pineschi – Mio padre era un sindacalista e, fin da piccola, ho respirato a casa aria di impegno collettivo al servizio degli altri. Anche se oggi non c’è più, so che sarebbe orgoglioso di questa mia scelta. È un impegno che richiede tanta dedizione ma poter avere la possibilità di incidere sui cambiamenti del lavoro, tutelando i diritti dei lavoratori è una soddisfazione ineguagliabile, che ci tengo a svolgere al meglio. Poste Italiane è la più grande azienda del Paese, rappresenta l’Italia, la muove e la unisce - ha aggiunto - È giusto cogliere le evoluzioni del mercato, le sfide della digitalizzazione e dell’e-commerce senza, pero,̀perdere la fondamentale funzione sociale".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?