Qualità dell’aria. Le centraline rilevano un indice pari a nove

Il dato è definito eccellente. Le zone che sono state monitorate direttamente sono il centro cittadino, il quartiere Cassarello e il parco di Ponente.

Qualità dell’aria. Le centraline rilevano un indice pari a nove

L’assessora all’ambiente Mirjam Giorgieri è soddisfatta dei risultati emersi sulla qualità dell’aria a Follonica

Le tre centraline per il rilevamento della qualità dell’aria che l’Amministrazione comunale di Follonica ha fatto installare in città (e per la precisione nel centro cittadino, nel quartiere Cassarello e nel parco di Ponente) stanno restituendo dei dati veramente incoraggianti. Ieri l’indice WiseIndex ha stimato una qualità dell’aria pari a 9, ovvero eccellente. Il WiseIndex è un indice che viene utilizzato dalla piattaforma Ido per fornire una stima significativa della qualità dell’aria in una determinata zona ed è il parametro di base su cui vengono poi effettuate comparazioni di carattere spaziale e temporale. E’ 13 il valore medio annuo del WiseIndex a Bergen, una piccola città di mare al nord della Norvegia e una delle città con l’aria più pulita d’Europa e 23 è il valore medio annuo a Zurigo, una delle capitali d’Europa più evolute circa l’implementazione di modelli urbani per la riduzione dell’inquinamento. I dati di tutto il mese di febbraio rilevati dalle centraline di Follonica sono stati molto buoni, sempre compresi nella fascia verde, con un unico picco in fascia media rilevato tra il 18 e il 19 febbraio, momento in cui in nord Italia sono stati rilevati valori molto alti di Pm10.

"La piattaforma sviluppata dalla startup Wiseair si chiama Ido e sta aiutando decine di Comuni ad accedere ad informazioni chiare e trasparenti sull’aria che respiriamo – spiega l’assessora Mirjam Giorgieri –. Il servizio permette ai cittadini e alle cittadine di accedere ai dati e inviare segnalazioni, e all’Amministrazione di comprendere meglio i fenomeni di inquinamento atmosferico sul territorio tramite analisi ad-hoc".

"Avere dati certi e trasparenti, sempre consultabili – conclude l’assessora Giorgieri – aumenta la consapevolezza dell’ambiente urbano che viviamo e permette all’amministrazione di assumere decisioni che vanno nella direzione di tutelare e migliorare la qualità della vita a Follonica. In questi giorni il tema della qualità dell’aria è tornato prepotentemente alla ribalta per tutto quello che sta succedendo nel nord Italia, a Follonica invece la qualità della vita è senza dubbio migliore anche rispetto a questo parametro".