I maestri di sci sperano di poter tornare sulle piste dopo una stagione penalizzata dalle regole anticovid
I maestri di sci sperano di poter tornare sulle piste dopo una stagione penalizzata dalle regole anticovid
Sul monte Amiata è già tempo di pensare alla stagione invernale, ciò vuol dire proiettare tutte le attenzioni alla stagione sciistica. Dopo due inverni senza sciatori, tutti sperano che l’inverno 2022 sia quello della ripresa. Intanto i tecnici della Isa, società che gestisce gli impianti di risalita sul versante grossetano dell’Amiata, ce la stanno mettendo tutta. Proprio in questi giorni si stanno svolgendo le attività di manutenzione degli impianti: passati al setaccio la seggiovia delle Macinaie e gli...

Sul monte Amiata è già tempo di pensare alla stagione invernale, ciò vuol dire proiettare tutte le attenzioni alla stagione sciistica. Dopo due inverni senza sciatori, tutti sperano che l’inverno 2022 sia quello della ripresa. Intanto i tecnici della Isa, società che gestisce gli impianti di risalita sul versante grossetano dell’Amiata, ce la stanno mettendo tutta. Proprio in questi giorni si stanno svolgendo le attività di manutenzione degli impianti: passati al setaccio la seggiovia delle Macinaie e gli skilift.

"Stiamo lavorando affinché tutte le operazioni propedeutiche all’apertura degli impianti siano terminate in tempo, così da garantire l’apertura delle piste per l’otto dicembre. – dice Umberto Papi, caposervizio della Isa Impianti –. Appena ci saranno le condizioni meteorologiche favorevoli vorremmo attivare le macchine che producono neve artificiale".

il cronoprogramma è chiaro: fare di tutto per aprire almeno qualche pista l’otto di dicembre, riuscire ad innevare almeno una pista lunga, ovvero la Direttissima, così da ospitare gli sciatori nel weekend e aprire la stazione sciistica tutti i giorni dalle vacanze natalizie fino alla fine della stagione.

"Abbiamo a disposizione un totale di 35 macchine che producono neve artificiale – dice ancora Papi –. Già lo scorso inverno avevamo a disposizione 8 generatori di neve in più e questi sono stati posizionati sulla pista Asso dei Fiori, quest’anno li abbiamo istallati altri 5 che vanno a completare questa pista, ciò consentirà di spostare i cannoncini mobili sulla parte alta della Direttissima. Per la prima volta abbiamo le condizioni per produrre neve artificiale su una pista lunga dell’Amiata".

Ma perché le macchine possano partire occorre che la temperatura tocchi circa i -2 gradi di temperatura umida. "Lo scorso inverno – racconta Papi – abbiamo avuto la fortuna di veder cadere tanta neve naturale. Ci sono state nevicate eccezionali e le piste sono state a servizio solo di sciatori agonisti. Nonostante la neve naturale abbiamo collaudato anche i nuovi generatori di neve e il risultato ci ha soddisfacente".

La Isa è aggiornata anche con le linee guida, dettate dal Governo, contro la diffusione del Covid-19. "L’Amiata non sarà una montagna a numero chiuso – ci tiene a precisare – è previsto un numero massimo di sciatori ma sono numeri molto ambiziosi per l’Amiata. Si potrà acquistare lo skipass solo se in possesso di green pass che sarà controllato alle biglietterie della stazione sciistica". Gli skipass saranno a disposizione dalla seconda metà di novembre.

Nicola Ciuffoletti