Inaugurazione del Viola Park, il giorno che entra nella storia della Fiorentina

Su questa pagina potrete seguire passo dopo passo tutto quel che accadrà nel Grand Opening di oggi

Firenze, 11 ottobre 2023 - Il grande giorno è arrivato. Questo pomeriggio, a partire dalle ore 17, sarà inaugurato ufficialmente il Rocco B. Commisso Viola Park. Una data rincorsa per tutta l'estate, prevista ad inizio settembre e poi slittata fino all'11 ottobre, giorno che segna un punto di svolta nella storia della Fiorentina.

Oltre 3.000 gli invitati da parte del club viola, imponente il servizio d'ordine perché sono attese personalità a livello sportivo e politico. Da Infantino a Ceferin, passando per il ministro Abodi, e poi ancora Dario Nardella, Eugenio Giani, Matteo Renzi, Francesco Casini (sindaco di Bagno a Ripoli dove sorge il centro sportivo) e tanti altri ancora. Sono stati recapitati gli inviti anche a tutti i club di Serie A.

Invitata anche la premier Giorgia Meloni, che non ha potuto partecipare per impegni istituzionali. Attesi anche tanti tifosi, almeno due rappresentanti per ogni Viola Club, ma gli abbonati PRO avevano la prelazione per ottenere il biglietto d'ingresso. Dalle 17 alle 19 sono previsti una serie di tour organizzati per visitare il bellissimo impianto disegnato dall'architetto Casamonti, poi dalle 19 alle 21 via allo show nel mini stadio 'Curva Fiesole', dove Carlo Conti farà gli onori di casa presentando la serata. La Fiorentina fra i suoi tifosi ha scelto quello più rappresentativo a livello nazionale per presentare l'evento. Attesi cantanti e personalità che si alterneranno al centro della festa. Ci saranno tutte le squadre della Fiorentina, da quelle di Italiano (al netto dei nazionali) e De La Fuente (di ritorno dalla vittoriosa trasferta di Terni in Coppa Italia di questa mattina) fino a tutte le squadre giovanili. Assicurata la presenza anche del Ct della Nazionale, Luciano Spalletti, che con ogni probabilità porterà con sé Biraghi e Bonaventura, il capitano ed il vice capitano della Fiorentina impegnati in questi giorni nel ritiro di Coverciano con la Nazionale.

Gravina (Figc): “E’ un messaggio importante”

La realizzazione del nuovo centro sportivo della Fiorentina a Bagno a Ripoli è “un messaggio importante, mette insieme alcuni elementi che negli ultimi anni avevamo smarrito. Mi riferisco a una capacità progettuale, a una visione che si trasforma in volontà di realizzare qualcosa. Oggi il mondo del calcio acquista sotto il profilo delle infrastrutture un messaggio di grandissima dignità, per stimolare e creare i presupposti perché tutti possano puntare a realizzare qualcosa di simile”, dice il presidente della Figc Gabriele Gravina. Sul momento positivo della Fiorentina, ha continuato Gravina, “terrei distinte le capacità tecniche, poi i centri sportivi generano ottimismo e entusiasmo. Un centro sportivo così dà il senso di una percezione totale e completa di una società molto forte”.

Casini (Lega Serie A): “Il Viola Park è più di uno stimolo” 

"Il Viola Park è molto più di uno stimolo. Io ho fatto il giro di tutti gli stadi e i centri sportivi di serie A. Trovare in un unico luogo queste strutture, con queste dimensioni e cure del dettaglio pone l'Italia a livello massimo internazionale, sopra la media”, dice Lorenzo Casini, presidente della Lega di serie A. “Il fatto che il Viola Park sia stato costruito in 30 mesi è davvero un tempo record”, ha aggiunto.

Spalletti: “Un passo nel futuro”

Anche il commissario tecnico della Nazionale Luciano Spalletti, in questi giorni in ritiro a Coverciano, ha visitato il Viola Park con una delegazione della Federcalcio di cui faceva parte il ministro dello sport Andrea Abodi. "Avevo sentito parlare del Viola Park - commenta Spalletti - come una struttura bellissima, ma quando oggi l'ho visto di persona non credevo ai miei occhi: è un passo nel futuro non solo della Fiorentina ma di tutto il calcio italiano, un esempio da prendere a modello".

"Il nuovo centro sportivo rende più forte l'identità della squadra, dei tifosi e della città. E infatti non penso che i successi attuali della Viola siano da considerare un caso: al di là della bravura dell'allenatore e dei meriti dei calciatori, vanno considerati l'energia, l'entusiasmo, il contagio positivo che una casa come il Viola Park ha potuto dare. D'altronde, in questo momento, i club in grado di costruire stadi moderni e centri sportivi di questo livello dimostrano con i fatti di amare il calcio italiano e di volere un futuro migliore per il movimento".

Il ministro dello Sport Andrea Abodi: “Dentro questa struttura si respira aria di sport pulito”

Anche il ministro dello Sport Andrea Abodi dentro al Viola Park. “Quello che è stato realizzato è una eccellenza a livello internazionale. Dentro questa struttura c'è una anima, la passione del calcio pulito e sano. Il merito è di chi ha sognato, voluto, costruito passo dopo passo questa struttura, a Commisso, alla sua famiglia, a Barone - ha detto -. Ringrazio anche le donne e gli uomini che hanno lavorato qui perché tutto questo si realizzasse: ringrazio chi ha disegnato la struttura, l'architetto Casamonti. La forza per andare avanti, anche nei momenti di difficoltà, l'ha data la passione di Firenze. Qui si consacra un sogno ma si riparte per nuove conquiste”.

Il presidente del Coni Malagò: “Il futuro del calcio è qui”

"Questa struttura arricchisce il patrimonio della Fiorentina e del calcio italiano. È un investimento importante, combattuto e sofferto. Proietta il club in una dimensione molto importante e anche avveniristica. Col Viola Park il futuro è più che mai assicurato”, ha dichiarato il presidente del Coni Giovanni Malagò. 

Infantino, presidente Fifa: "Tornerò presto a visitarlo”

"Questo nuovo centro sportivo proietterà la Fiorentina verso il futuro. Il Viola Park è una struttura stupenda, un investimento non solo per il calcio professionistico ma pure per il calcio giovanile. Ho accolto con grande favore la notizia che la struttura verrà usata anche dalle squadre femminili”. Lo ha dichiarato il presidente della Fifa Gianni Infantino che ha inviato un videomessaggio in occasione dell'inaugurazione del nuovo centro sportivo della Fiorentina a Bagno a Ripoli. “Ho visitato il Viola Park quando era in fase di realizzazione, sono rimasto colpito - ha aggiunto -. Quello che il mio amico Rocco Commisso ha costruito qui è qualcosa di unico e io non vedo l'ora di tornarci. La Fiorentina incarna benissimo il fascino del nostro sport e del calcio italiano: è un club magnifico, dalla storia ricca e vincente. Con una tifoseria appassionata e in una delle città più belle del mondo”.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro