Italiano: "C'è un problema davanti, siamo amareggiati come i tifosi. Ma ci rifaremo"

L'allenatore della Fiorentina non nasconde la delusione al termine della gara pareggiata per 1-1 contro l'RFS Riga

La delusione di Italiano a fine partita (Germogli)
La delusione di Italiano a fine partita (Germogli)

Firenze, 8 settembre 2022 - Al termine della gara pareggiata al Franchi contro l'RFS di Riga, il tecnico della Fiorentina è intervenuto davanti ai microfoni: "Ormai ci stiamo abituando a questo tipo di epilogo. In ogni partita riusciamo a non fare gol già fatti, senza concretizzare cose semplici. Poi si complicano le partite che dovevi vincere largamente. Non abbiamo dimostrato il nostro valore, resta la difficoltà nel fare gol. Abbiamo tirato 30 volte ed abbiamo fatto un 1 gol. Se concedi qualcosa poi ci sono anche gli altri. Questa era una partita da vincere".  

Situazione che sta pesando? "Si lavora per tirare tante volte in porta. Ci proviamo con cross, combinazioni, tiro da fuori e con tante soluzioni. Purtroppo stiamo pagando la nostra poca freddezza sotto porta. L'unico appunto è questo, i ragazzi hanno fatto di tutto per vincere. Abbiamo buttato via già due punti importanti in questo girone". I tanti cambi possono incidere? "Sono passate sette partite ufficiali, le rotazioni sono state obbligate. Puoi perdere identità, un po' di furore, ma quando riesci a coinvolgere tutti, la prestazione la possono fare. Alcuni elementi possono dare di più. Per me la differenza la sta facendo la poca fame negli ultimi sedici metri. Chiunque stia giocando le occasioni arrivano, ma non concretizziamo quello che facciamo". Qualche fischio a fine partita... "Questa è una piazza che vuole sempre risultati importanti. Se si sono alzate le aspettative è merito nostro. Ricordo che lo scorso anno siamo partiti con una sconfitta a Roma e tutti erano contenti per la ritrovata identità. Mi piace così, abbiamo perso solo una partita ed usciamo fra i fischi. Mi spronano a fare sempre meglio, spero li abbiano sentiti i ragazzi e che reagiscano come farò io. Sappiamo dove stiamo lavorando, in quale realtà, dispiace solo che si possa perdere tutto questo entusiasmo in pochi mesi. Però lotteremo per tornare ad uscire dal campo tra gli applausi". Ancora sull'amarezza finale dei tifosi. "I tifosi hanno un pizzico di delusione, come ce l'abbiamo noi. Peccato per il risultato, ci rifaremo alla prossima. Non so se ci sia stato un calo mentale dopo il gol. C'è poco da commentare, bisogna fare gol e basta. In alcuni momenti il ritmo si può abbassare, ma stasera è inutile commentare e dire altre cose. C'è un problema in zona gol. Lo vogliamo risolvere, altrimenti continueremo a soffrire ed usciremo fra i fischi. Se non ci arriveremo con gli allenamenti, dovremo arrivarci con le capacità individuali. Altre strade non le conosco". La rosa è adeguata per così tanti impegni? "Stiamo cercando di abituarci a questa situazione, dove ci alleniamo poco e giochiamo tanto. In questa competizione possiamo dire la nostra. Di energie si spera di non sprecarne tante, ma in queste partite qui se ne sprecano tante. Domenica si rigioca e ne metteremo in campo undici che si spera possano fare una prestazione di livello".

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro