di Riccardo Galli Quattro settimane di calciomercato e un blocchetto di appunti diviso in due. Da una parte l’elenco dei giocatori da cedere ("c’è una rosa da sfoltire", ha ripetuto anche ieri Prandelli), dall’altra la lista dei rinforzi nel mirino. Che poi potrebbero trasformarsi in affari veri e propri già nei prossimi giorni. In uscita. Detto che oggi Saponara firmerà per lo Spezia, attenzione anche a quanto potrà accadere con Eysseric e Montiel. Per il primo c’è stato un...

di Riccardo Galli

Quattro settimane di calciomercato e un blocchetto di appunti diviso in due. Da una parte l’elenco dei giocatori da cedere ("c’è una rosa da sfoltire", ha ripetuto anche ieri Prandelli), dall’altra la lista dei rinforzi nel mirino. Che poi potrebbero trasformarsi in affari veri e propri già nei prossimi giorni.

In uscita. Detto che oggi Saponara firmerà per lo Spezia, attenzione anche a quanto potrà accadere con Eysseric e Montiel. Per il primo c’è stato un sondaggio del Parma. Poi Pradè si dovrà concentrare sui big. Cutrone (via Wolverhampton) è un passo dalla Samp, ma piace anche a Toro e Napoli. Duncan? La soluzione Genoa è da tenere in considerazione, mentre sembra essersi azzerata l’opzione Cagliari. Attenzione – come per Cutrone – alla proposta del Toro. Anche l’avventura fiorentina di Pulgar sembra agli sgoccioli. La proposta del Leeds è interessante e non solo per una soluzione a termine. Il futuro di Callejon? Possibile che se ne parli alla metà del mese. Questo perché Prandelli potrebbe decidere di concedergli un’altra chance, magari già contro la Lazio o contro il Cagliari. Discorso simile per Kouame che comunque è un elemento con molto mercato.

In entrata. Il conto dei possibili innesti è evidentemente legato alle cessioni. Per ruolo, però, la Fiorentina si guarda attorno mettendo a fuoco tre candidature: un centravanti, un esterno offensivo, un centrocampista-regista.

I nomi. Per l’attacco, la Fiorentina aspetta una risposta dalla Lazio per Caicedo e un’altra dal Sassuolo per Scamacca. Lo Young Boys conferma che c’è stato un sondaggio viola per Nsame, mentre lo Spezia continua a ripetere che Nzola non è in partenza. Il discorso Nsame intriga, ma non è facile convincere gli svizzeri a trattare sulla base del prestito con diritto di riscatto. Lo Young preferisce ragionare su un affare a titolo definitivo.

Per la corsia esterna riflettori sempre puntati sul ritorno in Italia (e la concorrenza con la Roma) di El Shaarawy, mentre il centrocampista che Pradè continua a tenere nel mirino è Torreira che vuole chiudere l’esperienza in Inghilterra (all’Arsenal) e che l’Atletico Madrid è disponibile a far ripartire con la formula del prestito.

L’interesse della Fiorentina sembra più marcato rispetto a quello del Torino e nelle prossime ore si lavorerà per arrivare a un punto d’intesa sulla cifra che potrebbe andare bene a tutti al momento di definire il riscatto del giocatore a titolo definitivo.