Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
26 feb 2022

Mediterraneo, il mare dell'integrazione e delle visioni comuni

Firenze si mette nel solco di una consolidata priorità della politica estera italiana, quella delle relazioni con i Paesi del Mediterraneo

26 feb 2022
marco del panta*
Cronaca
Dal 1° giugno 2020, l’Istituto ospita l’Osservatorio europeo dei media digitali, meglio conosciuto con il suo acronimo Edmo, che deriva dal nome inglese, European Digital Media Observatory
Bandiera europea a una manifestazione
Dal 1° giugno 2020, l’Istituto ospita l’Osservatorio europeo dei media digitali, meglio conosciuto con il suo acronimo Edmo, che deriva dal nome inglese, European Digital Media Observatory
Bandiera europea a una manifestazione

Firenze, 26 febbraio 2022 - E' in corso la Conferenza internazionale dei sindaci del Mediterraneo, un’iniziativa del sindaco Nardella presa nel solco dei Colloqui mediterranei di La Pira. L’evento può essere valutato da vari punti di vista. Immagino che ai più venga in mente il passato di Firenze e le sue relazioni storiche con varie città del Mediterraneo. Io proporrei di guardare avanti: con questo evento Firenze si mette nel solco di una consolidata priorità della politica estera italiana, quella delle relazioni con i Paesi del Mediterraneo. L’altra priorità, che consiste nella convinta partecipazione al processo di integrazione europea, trova pure a Firenze una sponda e un sostanziale contributo, come illustrerò poco oltre. Napoleone diceva che "ogni Stato fa la politica della sua geografia" e non deve quindi stupire che queste direttrici siano le priorità della politica estera del Paese. Quale contributo può dare una città come la nostra? Assai rilevate, verrebbe da rispondere, alla luce dell’agenda dei prossimi mesi. Dal 24 al 27 febbraio si incontreranno a Palazzo Vecchio sindaci della sponda nord e sud del Mediterraneo, rappresentanti di comunità diverse per lingua, religione e sistema politico, ma unite da un mare comune e, soprattutto, da un comune humus culturale. All’inaugurazione sono stati invitati il presidente della Repubblica e il presidente del Consiglio italiani, a testimonianza della rilevanza dell’evento per la nostra politica estera. Parallelamente si svolgerà il Convegno Mediterraneo frontiera di Pace organizzato dalla Cei con i vescovi delle Chiese del Mediterraneo alla presenza del Papa. Ma non finisce qui. Firenze contribuirà, come ogni anno, anche all’altra direttrice della politica estera italiana, quella europea. Dal 5 al 7 maggio si terrà sempre a Palazzo Vecchio la Conferenza the State of the Union, che, come ogni anno dal 2011, porterà a Firenze la dirigenza politica dell’UE e dei suoi stati ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?