Cagliari-Fiorentina viola ko
Cagliari-Fiorentina viola ko

Cagliari, 15 marzo 2019 - Avvio da brividi per la Fiorentina sul campo del Cagliari: pasticcio di Ceccherini e Terracciano su un appoggio al portiere, la palla va in rete ma il gol è annullato perché il pallone non era uscito dall'area sul fallo di fondo. In attacco per i viola c'è Mirallas. Viste le assenze di Veretout (squalificato) ed Edimilson Fernandes (infortunato) a centrocampo tocca a Norgaard. In porta c'è la conferma di Terracciano (dopo la buona prova all'esordio) al posto di un Lafont ancora non al meglio fisicamente.  

E' un'altra partita nel segno di Davide Astori che ha giocato anche nel Cagliari, oltre che nella Fiorentina: al minuto 13 (come il numero di maglia del capitano viola morto improvvisamente il 4 marzo 2018) tutto lo stadio si alza in  piedi per un applauso che coinvolge, ovviamente, anche i giocatori in campo.

La partita non è su grandi ritmi, anche se si lotta molto. Il vento forte condiziona la gara. i viola hanno più iniziativa ma non spingono più di tanto. Al 18' bella azione di Benassi sulla destra, poi il centrocampista viola sciupa tutto sbagliando l'appoggio al centro. Al 25' Cagliari pericoloso con un gran tiro da fuori di Cacciatore: Terracciano para molto bene deviando in angolo.  Il Cagliari prende campo e al 31' è pedricoloso un tiro di Pavoletti, fuori di poco.

Fiammata viola al 36': bel cross di Biraghi, Mirallas anticipa tutti, ma Cragno respinge con una gran parata. Nonostante l'impegno e l'agonismo di entrambe le squadre, la partita non decolla dal punto di vista del gioco. 

In avvio di ripresa parte forte il Cagliari: prima un tiro di Barella respinto, poi un altro pasticcio tra Terracciano e la difesa su un rinvio. E' il preludio al gol, anche perché i viola sembrano non esserte rientrati in campo. Al 6', cross perfetto di Cacciatore palla per Joao Pedro che anticipa Milenkovic e infila l'1-0. Passano due minuti e Cigarini segna da 40 metri su punizione, ma si tratta di un calcio a due, per cui il gol è annullato.

Pioli toglie Mirallas per Simeone, ma i viola non ci sono: all'11' su punizione di Lykogiannis, Ceppitelli anticipa tutti e raddoppia di testa. La Fiorentina sembra affondare tristemente e parlare di Europa a questo punto è davvero assurdo. Pioli cerca di dare più fisicità al centrocampo inserendo Dabo per Norgaard. Al 28' il Cagliari manca il tris: tiro di Barella, respinge Terracciano, Joao Pedro a porta vuota colpisce la traversa.

Al 42' la Fiorentina che sembra spenta, si riaccende d'improvviso grazie a una bella fuga di Chiesa sulla sinistra che fa 40 metri e batte Cragno all'angolino. Ormai, però, è troppo tardi e anche il tentativo finale di Chiesa (l'unico che, in qualche modo, ci prova) è rimpallato. 

Finisce ingloriosamente questa trasferta sarda per i viola, una partita incolore e senza mordente. Difesa distratta, centrocampo impalpabile, attacco che non pungge. Il ko è meritato e ormai il discorso dell'Europa League attraverso il campionato appare chiuso, salvo improbabili miracoli. I viola adesso hanno l'obiettivo di cercare di finire dignitosamente il campionato e di giocarsi le chamnce europee in Coppa Italia. Non giocando così, però, perché serate come questa sono proprio da dimenticare.

Il tabellino

Cagliari (4-3-1-2):   Cragno; Cacciatore (27' st Padoin), Ceppitelli, Pisacane, Lykogiannis; Faragò, Cigarini, Ionita; Barella (34' st Deiola); Joao Pedro (37' st Thereau), Pavoletti. Allenatore: Maran

Fiorentina (4-3-3): Terracciano; Milenkovic, Pezzella, Ceccherini, Biraghi; Gerson, Norgaard (25' st Dabo), Benassi; Chiesa,  Muriel, Mirallas (12' st Simeone). Allenatore: Pioli

Arbitro: Doveri di Roma

Marcatori: 6' st Joao Pedro; 11' st Ceppitelli, 42' st Chiesa

Note: ammoniti Cigarini, Chiesa, Ceppitelli. Pavoletti, Gerson