Firenze, 17 settembre 2021 -  Accesso libero agli hub per chi deve fare la seconda dose, via alle chiamate ai fragili per la terza e un camper per favorire la somministrazione davanti alle aziende. Tre le novità che scatteranno in questi giorni in Toscana in tema di vaccinazione. La prima è stata annunciata ieri, su Facebook, dal presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani. In pratica, da stamani "coloro che devono ricevere il richiamo possono recarsi direttamente negli hub dopo l’intervallo minimo previsto". Si può quindi fare il richiamo dopo 21 giorni dalla prima dose Pfizer e dopo 28 da quella Moderna, anche se la prenotazione indica una data successiva, senza dover spostare la prenotazione tramite portale. Intanto hanno preso il via le chiamate per la terza dose, riservata al momento ai fragili. Qualche struttura ospedaliera ha iniziato a telefonare già ieri, altre partiranno oggi. La somministrazione invece inizierà lunedì e riguarderà circa 50mila persone in tutta la Toscana.

«Per i fragili – ha detto sempre il presidente Giani – è prevista la chiamata attiva, da parte dei vari reparti che hanno in cura i pazienti che, per le loro fragilità, si rendono particolarmente delicati nella situazione di contagio Covid. Saranno loro a essere chiamati per somministrare la terza dose. Sotto questo aspetto - ha precisato - le Asl hanno avuto una circolare". "Tra le categorie di persone che hanno bisogno di una dose ulteriore per particolari situazioni e patologie – ha spiegato l’assessore regionale alla salute, Simone Bezzini - ci sono circa 5mila trapiantati, 2.100 dializzati, 5mila con infezione da Hiv; 25mila malati oncologici in trattamento chemioterapico e tra 13 e 15mila persone immuno-compromesse". Per chi, per errore, restasse escluso dalle telefonate verrà attivato un numero dedicato (055/545454, tasto 1). Sempre nell’ottica di agevolare i vaccini è stato siglato un accordo per portare le dosi direttamente davanti alla aziende, grazie a un camper dedicato. L’accordo che verrà presentato stamani (fra Regione, Confindustria Toscana Sud e Ausl Sud Est) riguarda appunto la zona Sud Est della Toscana, ma potrebbe a breve essere esteso al resto della regione.
Lisa Ciardi