Figline Incisa (Firenze), 21 agosto 2019 - Come ogni tradizione che si rispetti anche quest’anno la festa annuale di fine estate nella casa toscana di Sting ha messo sotto i riflettori il comune di Figline Incisa. Nella serata del 19 agosto l’englishman e la moglie Trudie Styler hanno aperto le porte della loro Tenuta il Palagio tra amici, selfie e vino di loro produzione. Una festa di campagna, tra le colline di un Chianti (enologicamente parlando) un po’ ‘trascurato’.

Un brindisi al tramonto nell’aia davanti all’ex fienile divenuto, oggi, «farm shop», durante il quale l’amministrazione di Figline Incisa ha ufficializzato la concessione della cittadinanza onoraria a Sting e consorte.

La volontà di concedere questo riconoscimento - come deliberato in Consiglio Comunale il 3 ottobre 2018 - è dovuta al fatto che Sting e Trudie hanno manifestato solidarietà e vicinanza ai lavoratori Bekaert - la fabbrica delocalizzata in Romania dalla multinazionale belga proprietaria - e per aver partecipato alle proteste davanti allo stabilimento nei giorni dopo la chiusura.