Quotidiano Nazionale logo
7 mag 2022

Scuola Calvino, via alla ricostruzione con i fondi del Pnrr

Il cantiere al plesso della scuola Calvino nel 2015: ora l’edificio sarà demolito e ricostruito
Il cantiere al plesso della scuola Calvino nel 2015: ora l’edificio sarà demolito e ricostruito
Il cantiere al plesso della scuola Calvino nel 2015: ora l’edificio sarà demolito e ricostruito

Sette milioni e 650 mila euro è il finanziamento assegnato al Comune di Firenze per la scuola secondaria di primo grado Italo Calvino nell’ambito del Pnrr per la “Costruzione di nuove scuole mediante sostituzione di edifici”. La Scuola Calvino (in via Maffei, 3) sarà completamente demolita e ricostruita una scelta giudicata più conveniente rispetto agli interventi di ristrutturazione necessari. La scuola è costituita da tre blocchi distinti e ha aree per attività all’aperto tutte recintate. L’edificio dal punto di vista dell’efficienza energetica è di concezione ormai superata e, soprattutto, sono necessari interventi anche per far fronte al rischio sismico.

Nelle scuole di proprietà comunali sono numerosi e di vario tipo gli interventi (di riqualificazione, di efficientamento energetico, antisismici,) che vengono effettuati ogni anno per garantire scuole belle e sicure agli studenti. Ma l’amministrazione comunale per la scuola Calvino ha ritenuto che la soluzione ottimale, sulla base di un’analisi dei costibenefici, sia quella di procedere alla demolizione e al completo rifacimento dell’edificio, più che un intervento di consolidamento o miglioramento sismico (come invece avviene per altre scuole).

Dal punto di vista energetico il nuovo edifico avrà una classe energetica Nzeb-20% (nearly zero energy building, ovvero sarà un edificio a energia quasi zero); con la nuova scuola saranno quindi risolte tutte le criticità ‘energetiche’ rilevate nell’edificio attuale.

"Siamo molto soddisfatti per questo finanziamento – ha detto l’assessore all’Educazione Sara Funaro – perché ci permetterà di avere una nuova scuola bella, sicura e attenta all’ambiente. Questo progetto è un tassello di un ampio piano di miglioramento dei nostri istituti scolastici al fine di garantire una migliore qualità della vita scolastica e una maggiore efficienza energetica".

La nuova scuola ospiterà in totale 375 studenti e avrà aule “speciali”: Laboratorio di Scienze - Laboratorio dei Linguaggi dell’arte - Laboratorio di Musica - Biblioteca - Laboratorio Steam - Laboratorio di Informatica - Laboratorio AllenaMenti - Palestra - Open Lab (riorganizzazione dello spazio esterno in vero ambiente didattico polifunzionale sia per le attività sportive che per quelle musicali).

L’aggiudicazione dei lavori è prevista per il settembre 2023 e la conclusinoe per la fine di marzo 2026.

Il Ministero curerà direttamente la progettazione di fattibilità tecnica ed economica tramite un concorso di progettazione, mentre il Comune seguirà le fasi successive di progettazione e la realizzazione dell’opera.

Pa.Fi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?