Alessandro Baldi * La pandemia di Sars-Cov2 ha avuto tra le tante conseguenze un impatto fortemente negativo sul turismo a livello mondiale. Le città d’arte come Firenze hanno registrato una riduzione di presenze oltre il 79%, con proiezioni, fornite dal Centro Studi Turistici di Firenze, che prevedono un consuntivo per l’anno 2020 di circa 2.9 milioni di presenze contro i 14...

Alessandro

Baldi *

La pandemia di Sars-Cov2 ha avuto tra le tante conseguenze un impatto fortemente negativo sul turismo a livello mondiale. Le città d’arte come Firenze hanno registrato una riduzione di presenze oltre il 79%, con proiezioni, fornite dal Centro Studi Turistici di Firenze, che prevedono un consuntivo per l’anno 2020 di circa 2.9 milioni di presenze contro i 14 milioni del 2019. In questo drammatico contesto alcuni Comuni dell’Area Fiorentina (tra cui Sesto Fiorentino) registrano una flessione negli arrivi minore rispetto al capoluogo, fatto che suscita una riflessione su nuove modalità di turismo regionale di prossimità alla ricerca di natura, spazi aperti, luoghi poco frequentati da scoprire, anche solo per un week-end.

In questo contesto Pro Loco e Comune di Sesto Fiorentino hanno da poco lanciato una proposta sulla valorizzazione e promozione turistica del territorio di Cercina, un’area che impatta perfettamente le nuove domande di turismo in epoca di pandemia. Il 29 dicembre scorso il progetto è stato avviato da un seminario di studio online con esperti del settore per approfondire le potenzialità turistiche di Cercina che ruotano intorno a 3 fattori: il bacino del torrente Terzolle con natura e ambiente, la vocazione agricola e agrituristica, la Pieve di Sant’Andrea con la sua storia millenaria. Il territorio di Cercina, a pochi km da Firenze, può divenire una meta complementare per chi desidera conoscere la città del Rinascimento e il suo "contado", un turismo di nicchia rivolto ad una domanda che sia un mix tra natura, storia e arte. Cercina da secoli è stato un territorio di passaggio tra città e Monte Morello, un territorio plasmato e tutelato con sapienza da chi ci abita. Qualunque progetto di valorizzazione turistica non può, perciò, prescindere dal coinvolgimento dei residenti e delle aziende agricole e agrituristiche di Cercina.

* presidente Pro Loco

Sesto Fiorentino