Firenze, 31 ottobre 2020 - Cariche della polizia, lanci di bottiglie e di molotov, danni per le strade, persone ferite: una notte di violenza nel centro storico di Firenze quella tra venerdì e sabato. La manifestazione non autorizzata per la quale c'erano stati timori di infiltrazioni è effettivamente mutata in una battaglia, con i manifestanti che hanno assaltato le forze dell'ordine. Tre cariche principali, tutte tra via Calzaiuoli, piazza della Repubblica e via Strozzi. Alcune decine i fermati, ci sono anche alcuni agenti feriti. Il primo bilancio delle forze dell'ordine riferisce di un migliaio di partecipanti che si sono spostati in piccoli gruppi.

false

Il corteo non era autorizzato ed era stato messo in piedi con un tam tam sui social. Non precisate le sigle che hanno organizzato. Nella locandina girata sui gruppi whatsapp si indicava tra gli organizzatori "Vox Italia", formazione politica che però si è detta completamente estranea alla serata. Una manifestazione che si inseriva nell'ambito delle proteste, in corso in questi giorni in tutta Italia, contro le chiusure per le misure anti-covid e la crisi economica innescata dal coronavirus. Una dozzina le persone fermate per gli scontri. 

I disordini in via Strozzi

Gravissimo il lancio di bombe molotov, avvenuto a tarda sera in via dell'Albero, nei dintorni di piazza Santa Maria Novella. Le molotov sono state lanciate contro mezzi della polizia. Quattro le persone di area antagonista fermate, sono sospettate di aver lanciato loro gli ordigni. Da quanto spiegato dalle forze dell'ordine a lanciare le molotov sarebbero stati almeno due manifestanti che indossavano delle tute rosse. Individui così abbigliati sono stati poi rintracciati e fermati poco dopo nella vicina via il Prato insieme ad altre altre due persone. Da quanto spiegato sempre dalle forte dell'ordine sarebbero persone appartenenti all'area antagonista. Le fiamme provocate dalla molotov hanno annerito una parete.

L'inizio della serata sembrava tranquillo. La manifestazione sembrava avere il suo fulcro in piazza della Signoria, ma lì c'erano soltanto poche persone. Il corteo non è stato fatto passare dalla piazza. E i momenti di più grande tensione sono stati alle estremità di via Calzaiuoli: sia all'angolo con piazza della Signoria che in piazza Duomo.

Un gruppetto di manifestanti è stato respinto a inizio serata dalla polizia in assetto antisommossa in piazza Santa Maria Novella. Ma sembrava che la situazione fosse sotto controllo.

La prima carica proprio vicino a piazza della Signoria. La polizia è intervenuta dopo ripetute provocazioni e lanci di bottiglie e petardi. Giovani incappucciati hanno cercato lo scontro. Via Calzaiuoli è rapidamente diventata un campo di battaglia. 

I momenti di tensione in via Calzaiuoli

Altri momenti di tensione in piazza del Duomo, dove almeno duecento manifestanti hanno anche qui provocato la polizia e poi acceso dei fumogeni. Il corteo si è poi spostato, come impazzito, in più direzioni. Altre cariche ci sono state in via Strozzi, proprio vicino a piazza della Repubblica. Qui i manifestanti hanno rovesciato cestini, lanciato fioriere e sassi. Poi appunto l'intervento delle forze dell'ordine per un'altra carica. 

image

Non dunque un unico corteo, ma più punti caldi del centro storico, attorno ai quali la manifestazione si è svolta

image

Ma chi ha organizzato la manifestazione? E chi ha voluto queste ore di tensione? L'assalto alle forze dell'ordine è arrivato principalmente da giovanissimi incappuciati. C'era il timore che la manifestazione potesse avere degli infiltrati sia di estrema destra che di estrema sinistra. E così è stato. Impressiona la giovanissima età di chi ha cercato lo scontro con la polizia

La telecamera danneggiata da un manifestante a Firenze

Una ventina i fermati tra i partecipanti alla manifestazione non autorizzata in corso a Firenze. I manifestanti hanno anche danneggiato un'auto della polizia sfondandone i vetri.

image

Non tutti i manifestanti erano lì per provocare. A inizio serata diversi fiorentini erano scesi in strada. "E' il funerale di Firenze", avevano detto. "Siamo lavoratori di questa città, questa città è morta. Dove sono i soldi promessi dal Governo? Noi questa potenza di fuoco non l'abbiamo vista". 

image

Intorno alle 23 un'altra carica tra piazza Strozzi e via Tornabuoni. I manifestanti si sono allontanati dopo aver lanciato bombe carta, bottiglie di vetro e dopo aver rovesciato bidoni dei rifiuti e fioriere. Soprattutto giovani hanno continuano a fronteggiare le forze dell'ordine, alcuni gridando "Libertà, libertà".

image

A inizio serata era scesa in piazza della Signoria il vicesindaco Alessia Bettini, che aveva chiesto alla cittadinanza di restare in casa e non partecipare alla manifestazione non autorizzata. "Sono qui - aveva detto - a nome dell'amministrazione per chiedere a tutti di stare a casa. Siamo vicini a chi manifesta in modo civile e democratico ma condanniamo ogni forma di odio e violenza. Ringrazio le forze dell'ordine per il presidio che hanno messo in atto". 

image

Altre zone del centro storico sono state toccate dalle tensioni. Bombe carta sono esplose in piazza Santa Maria Novella, dove si è spostata parte del corteo. Sassaiola invece in via Tornabuoni. A tarda sera le forze dell'ordine hanno fermato diversi ragazzi, fatti sedere a terra e guardati a vista. Almeno dieci le persone fermate.

Avrebbero partecipato agli scontri e le loro posizioni sono al vaglio. I timori per le violenze sono stati confermati. I negozi del centro avevano sbarrato le loro vetrine con tavole di legno per impedire quelle razzìe e saccheggi che si erano verificati nei giorni scorsi a Torino. 

image

"Non riconosco Firenze, non siamo abituati a vederla in questo modo, la manifestazione nata in modo pacifico si è trasformata e ci sono diversi danni", ha detto, ai microfoni di Rtv38 Lorenzo Masi, vice capogruppo del Movimento Cinquestelle in Palazzo Vecchio. "Mi sembra che ci siano anche gruppi di ragazzi che hanno bevuto troppo, così non è una manifestazione ma sono atti di vandalismo, questi non sono nostri concittadini. Stasera non riconosco la mia Firenze", ha concluso.

image