flower burger
flower burger

Firenze, 16 ottobre 2019 – Con la crescita delle persone che decidono di escludere dalla propria alimentazione tutti gli alimenti di origine animale, anche l'hamburger non poteva non assumere una “veste” vegana. E' così che l'ascesa di Flower Burger, la prima veganburgheria gourmet d'Italia, prosegue tappa dopo tappa e approda in riva all'Arno. E' infatti qui, in via San Gallo 13, che ha aperto i battenti da pochi giorni l'ultimo punto vendita della celebre catena di burger privi di carne.

Una location vivace ed allegra, capace di attirare sia i numerosi turisti presenti in città che i fiorentini, dove il menu punta su una proposta di burger 100% vegetale di altissima qualità, il cui comune denominatore, oltre al gusto, è il colore. Il pane - homemade come le salse e i patty – gioca infatti con i toni dell’arcobaleno grazie, ad esempio, all'estratto di ciliegia, al carbone vegetale o alla curcuma.

Il debutto fiorentino rappresenta la 13esima tappa nel giro di pochi anni: il progetto Flower Burger nasce infatti nel 2015 a Milano grazie all’intuizione del giovane imprenditore Matteo Toto, e conta oggi 11 punti vendita sparsi per l’Italia (oltre a Firenze e Milano ci sono Bari, Bergamo, Monza, Palermo, Rimini, Roma, Torino e Verona) e due all’estero (Rotterdam e Marsiglia), che presentano tutti il medesimo concept ispirato alla cultura dei “figli dei fiori”.

“L’apertura a Firenze, culla della cultura che attrae milioni di persone ogni anno, - afferma Matteo Toto, CEO & Founder di Flower Burger - è una sfida che ci piace tantissimo. Vogliamo regalare ai fiorentini un momento di piacere tramite un’esperienza sensoriale che connetta con la natura e le sue creazioni attraverso i nostri burger”.
 

Ilaria Biancalani