Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
27 mag 2022

Guardia medica senza la notte "Siamo pochi"

27 mag 2022
(
Cronaca

Oltre alla riorganizzazione del 118, sul tavolo c’è anche quella della guardia medica. Un provvedimento annunciato da tempo ma che ancora deve essere definito in dettaglio. "Siamo in attesa che la Regione ci convochi, probabilmente la prossima settimana – spiega Vittorio Boscherini, segretario provinciale della Fimmg, la federazione dei medici di medicina generale – anche se le linee generali sono state concordate a dicembre 2021. L’idea di massima è concentrare l’attività della guardia medica il sabato e la domenica, in orario diurno, o comunque al massimo fino alle 24. D’altronde di notte le richieste sono pochissime e quelle davvero urgenti essere gestite attraverso il 118, come accade in tanti altri Paesi. Non ci sono molte alternative, visto che c’è un’enorme carenza di medici e che molti di quelli disponibili servono per gestire i malati oncologici, i fragili, le malattie infettive". "Sulla guardia medica aspettiamo aggiornamenti – conferma Pietro Dattolo, presidente dell’Ordine dei medici di Firenze – ma sia in questo caso che per il 118 dobbiamo prendere atto che esiste una carenza di professionisti. Se i medici non ci sono bisogna supplire in altri modi: l’importante è che chi agisce sia guidato da un medico e che segua protocolli concordati con i medici stessi. Chiaramente deve essere una soluzione emergenziale e dobbiamo metterci a un tavolo per risolvere queste problematiche in modo strutturale. In questi anni c’è stato un imbuto formativo sciagurato, con pochissime borse di studio per le specializzazioni. Adesso si è rimediato e fra due o tre anni si ritroverà un equilibrio in molti settori, anche se probabilmente la situazione resterà critica nell’emergenza-urgenza, dove il governo dovrebbe intervenire con incentivi mirati. Una strada utile per affrontare la generale carenza di dottori potrebbe essere infine quella di assumere gli specializzandi dal terzo anno, proseguendo la formazione direttamente in ospedale. Noi lo chiediamo da tempo".

Li.Cia.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?