Quotidiano Nazionale logo
5 mag 2022

Firenze, furto in auto: sbandieratori senza costumi

Rotto il finestrino durante la cena dopo l’esibizione in Borgognissanti: sparite due divise. L’appello del presidente del gruppo: "Riportatele"

L’esibizione di martedì in Borgognissanti degli Sbandieratori della città di Firenze: dopo, c’è stato il furto
L'esibizione degli Sbandieratori della città di Firenze: dopo, c’è stato il furto

Firenze, 6 maggio 2022 - Martedì pomeriggio, il gruppo degli Sbandieratori della città di Firenze si è esibito durante una festa all’Istituto Francese di Borgognissanti. Alla fine della cerimonia, si sono cambiati, hanno riposto i borsoni con i costumi in auto, e hanno mangiato tutti insieme una pizza a Porta al Prato.

Ma al termine della cena, l’amara sorpresa: il finestrino di un’auto di uno dei membri dell’associazione, parcheggiata in via Montebello, è stato mandato in frantumi e le due borse con dentro le divise di due Sbandieratori, collocate nel portabagagli, erano sparite.

Un danno ingente alla macchina, e pure un colpo basso all’associazione e ai due membri che ne fanno parte. Ma se stivali, corpetto, camicia, calzamaglia, realizzati su misura da una sartoria specializzata con tessuti antichi e preziosi, hanno un costo sostanzioso per chi li indossa, praticamente nullo è il valore di quella roba per un ladruncolo.

Ed è per questo che Simone Ferri Graziani, presidente dell’associazione, rivolge un appello: "Ai ladri o a chi notasse due borsoni sportivi con dentro questo materiale, o chi vedesse qualcosa on line, chiediamo di contattarci tramite il nostro sito o la pagina Facebook e restituircelo. Siamo dei volontari, non riceviamo sovvenzioni e ognuno paga quel vestiario di tasca propria. Per noi è molto importante".

Per rifare una montura, servono non meno di cinquecento euro, probabilmente anche di più visto il lavoro che c’è dietro ogni realizzazione di questi costumi ispirati all’epoca rinascimentale. Costumi che servono poi a rappresentare l’immagine e la storia di Firenze in giro per il mondo.

Nati anni addietro per volontà di alcuni ex Bandierai degli Uffizi, il gruppo è un’associazione che si autofinanzia e che si allena alla palestra Manzoni di via Sgambati, a Peretola.

Ma il furto patito dagli Sbandieratori riporta all’attenzione anche il problema sicurezza nel quartiere tra le Cascine e Porta al Prato. Una zona che negli ultimi mesi è stata pesantemente bersagliata da furti e danneggiamenti sulle auto in sosta. Ne sanno qualcosa i residenti ma pure, com’è accaduto in questo caso, chi ha parcheggiato la propria auto soltanto per qualche ora.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?