Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
5 dic 2022
5 dic 2022

Invalido dopo il vaccino antipolio, sospesa restituzione indennità di 1,2 milioni

Lo ha deciso la corte d'appello di Firenze, sezione lavoro, con un'ordinanza che ha sospeso la immediata esecutività di una sentenza di primo grado

5 dic 2022
(DIRE) Roma, 23 nov. - Dopo l'Emilia Romagna, anche nel Lazio potrebbe essere discussa una proposta di legge per l'introduzione della vaccinazione obbligatoria per i bambini che frequenteranno gli asili nido pubblici e privati. A dirlo il presidente della commissione Politiche sociali e Salute, Rodolfo Lena. Interpellato a margine della seduta di Consiglio sul provvedimento approvato ieri dall'Assemblea dell'Emilia Romagna (per accedere ai nidi sara' necessaria la vaccinazione antipolio, antidifterica, antitetacnica e antiepatite B, ndr), Lena ha risposto: "E' assolutamente indispensabile che i bambini vengano vaccinati e questa proposta potrebbe essere l'apertura di un nuovo discorso che si potra' fare anche nel Lazio. Condivido molto questa scelta, e' una proposta di legge che firmerei e ne parlero' in maggioranza".    Secondo Lena, infatti, "stanno tornando malattie che erano state debellate e quindi la vaccinazione diventa fondamentale. Dunque e' giusto che ci sia una legge che regoli l'accesso al nido per i bambini dai 0 ai 3 anni". A chi gli chiedeva se nel Lazio esistesse una lobby anti-vaccino, Lena ha concluso: "Non parlerei di lobby, ma di situazioni personali che poi incidono sulla vita dei nostri figli. Il diritto alla salute e' anche questo".   (Mel/ Dire) 12:49 23-11-1
Vaccino (foto repertorio)

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?