Entrano in servizio tre nuovi bus: "Trasporto pubblico più efficiente"

Nuovi bus extraurbani a Pontassieve: più confortevoli, sicuri e ecologici. Contributo importante per la mobilità sostenibile in Toscana.

Entrano in servizio tre nuovi bus: "Trasporto pubblico più efficiente"

Entrano in servizio tre nuovi bus: "Trasporto pubblico più efficiente"

Sono pronti per entrare in servizio e, nei prossimi giorni, faranno la loro comparsa nel comune di Pontassieve. Sono i tre nuovi mezzi che Autolinee Toscane ha deciso di dedicare al servizio extraurbano della zona, in particolare per collegare con Firenze le frazioni di Santa Brigida e Molin del Piano. I bus, da nove metri, quindi più agili e manovrabili nelle stradine provinciali, possono trasportare fino a 42 passeggeri (7 in piedi e 35 seduti). Sono euro 6, quindi meno inquinanti degli attuali, più confortevoli e più facilmente utilizzabili dai disabili grazie ad una particolare pedana. Fanno parte del pacchetto di sette nuovi bus extraurbani presentati ieri a Firenze dal presidente di Autolinee Toscane, Gianni Bechelli, dall’assessore ai trasporti della Regione Toscana, Stefano Baccelli e anche dal neosindaco di Pontassieve Carlo Boni. "Il miglioramento dei trasporti pubblici è fondamentale per accrescere la qualità della vita dei nostri cittadini – ha detto Boni –. L’arrivo di nuovi bus extraurbani segna un passo importante per il territorio, contribuendo a renderlo all’avanguardia in tema di trasporti. È un ottimo inizio per questa amministrazione, un segno tangibile del nostro impegno e della nostra dedizione al lavoro quotidiano". E ancora: "Siamo un territorio ampio e ricco di frazioni ma abbiamo anche un legame e collegamento importante con la città di Firenze. Per noi è un primo passo di collaborazione futura che, per l’intero sistema di mobilità, auspico possa essere proficua". I nuovi bus sono collegati al gps per fornire agli utenti informazioni in tempo reale. E garantiscono una maggior sicurezza a bordo, dato che sono dotati di cabina antisfondamento, oltre che di un sistema di videosorveglianza per registrare eventuali episodi violenti. Non manca neanche un bottone rosso di allarme per richiedere l’intervento diretto della questura. "Anche nelle aree extraurbane, ecco un servizio con veicoli moderni, che danno maggiore affidabilità, comfort e sicurezza", dice il presidente di Autolinee Toscane, Gianni Bechelli. "Se entro questa estate elimineremo tutti gli euro 2, per gli euro 3 si dovrà attendere fino al 2025 – aggiunge Bechelli –. Il nostro obiettivo è rinnovare metà della flotta toscana entro il 2025, facendo passare l’età media da 12 a 6 anni, come le migliori realtà europee". "Il rinnovo del parco mezzi è una priorità assoluta del governo della regione – rimarca l’assessore dei trasporti della Regione Toscana, Stefano Baccelli –. Per la Toscana, una svolta concreta verso la mobilità sostenibile".

Elettra Gullè