Elezioni Incertezza in Alto Mugello. Palazzuolo ancora senza candidati

Il Pd, abbandonata l’idea Omoboni, deve risolvere il caso Moschetti. Il centrodestra attende Ridolfi

Elezioni Incertezza in Alto Mugello. Palazzuolo ancora senza candidati

Paolo Omoboni non “correrà“

È il comune più piccolo del Mugello, Palazzuolo sul Senio. Mille abitanti. Ma in politica ultimamente è in gran fermento. Tanto che ancora non ci sono candidati ufficiali, ma solo voci, intenzioni. In tutti gli schieramenti. Non mancano neppure le ipotesi di liste civiche, e di una divisione all’interno del centrosinistra. Una cosa, in mezzo alla confusione preelettorale, è certa. Non sarà della partita Paolo Omoboni, sindaco di Borgo San Lorenzo. Al quale il Pd palazzuolese aveva prospettato l’idea, terminati i dieci anni nel suo paese, di dare una mano a Palazzuolo. E Omoboni non aveva subito detto no. Anche se ultimamente è stato travagliato da problemi di salute. Così ora chiarisce la propria posizione: "A Palazzuolo - dice Omoboni - conosco persone che stimo, con cui ho collaborato in questi anni, il mondo del volontariato, quello produttivo e agricolo. Ma a parte le suggestioni giornalistiche, ringrazio chi ha pensato a me, sono attestati di stima che fanno piacere, ma suggestioni giornalistiche rimarranno". Omoboni risponde anche a qualche critica e illazione: "Ho il mio lavoro che mi aspetta e non ho bisogno di un ruolo politico a tutti i costi". E aggiunge, con un occhio anche a Borgo San Lorenzo: "Vale in ogni Comune, i cittadini non hanno bisogno di persone che si improvvisano, ma di una amministrazione e di una squadra che non prometta mari e monti, ma che sia presente sui problemi reali ogni giorno. E che sappia fare squadra come Mugello".

Il Pd è così alla ricerca di un altro candidato, ed è probabile che lo annunci sabato prossimo, visto che ha convocato un’assemblea. Mentre il sindaco Pd Moschetti, sfiduciato dal partito è pronto a partecipare alla contesa, con una sua lista, che conterebbe sul sostegno dei socialisti. "La lista ce l’ho pronta": avverte. Poi c’è il civico De Pasquale. Lui l’intenzione di candidarsi sindaco ce l’ha, ma ammette: "Non ho ancora il numero minimo per fare la lista". Anche sul fronte del centrodestra niente di sicuro. Alcune settimane fa Rodolfo Ridolfi, marradese, esponente di spicco di Forza Italia, e già candidato sindaco cinque anni fa, aveva dato come molto probabile la sua candidatura. Ma per ora non è stato ufficializzato nulla.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro