È la ’Notte delle edicole’ . Luci accese nei chioschi: "Siamo presìdi, sosteneteci"

Emorragia di rivendite in città: nel 2022 erano 122, ora sono solo 91. La sfida del sindacato Sinagi: "Un faro per ricordare che ci siamo e che abbiamo bisogno del sostegno di tutti per andare avanti".

Nel 2022 le edicole fiorentine erano 136, ma soltanto 122 attive. Oggi, secondo i dati forniti dal Sinagi, sindacato nazionale giornalai, ne sono in funzione appena 91. Per chiedere a gran voce a tutti gli attori in campo di mettere fine a questa emorragia, anche a Firenze oggi si terrà la "Notte delle edicole".

Una luce resterà accesa nei chioschi dell’informazione della città questa sera dalle 21 alle 22.30. In piazza Pier Vettori, presso l’edicola Rossella Formigli invece è in programma un momento per dialogare con chi ha a cuore l’informazione pubblica e chi vorrebbe che ci fosse un’edicola aperta in ogni quartiere.

"Le edicole sono un presidio territoriale insostituibile. Per questo chiediamo alla città, agli amministratori pubblici, editori, distributori, giornalisti e tutti i cittadini che vorranno sostenere la causa, di aiutarci nella nostra battaglia" scrive il sindacato nazionale giornalai d’Italia invitando i fiorentini a portare il proprio appoggio con la presenza all’evento.

"Le richieste che facciamo sono tantissime e riguardano tutti temi fondamentali tra cui un aiuto strutturale da parte del Governo, il cambio della destinazione d’uso dei chioschi, la definizione delle regole e delle modalità per le garanzie che i distributori locali richiedono e molte altre. Con questa iniziativa vogliamo accendere un faro nella notte per ricordare a tutti che noi ci siamo" scrivono i promotori dell’iniziativa.

E sempre il sindacato scrive: "Durante la pandemia le edicole si sono confermate un luogo di interesse pubblico con la distribuzione delle mascherine gratuite, un ruolo rifiutato persino dalle farmacie. Portiamo democrazia e cultura, pluralismo dell’informazione. Siamo un presidio territoriale che va assolutamente difeso".

ross.c.