Firenze, 14 maggio 2019 -  “E’ con grande piacere che torno all’Università di Firenze”. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte oggi pomeriggio ha partecipato, nell’aula magna del rettorato dell’Ateneo fiorentino, alla presentazione della pubblicazione dei primi volumi dell'Edizione Nazionale delle opere di Giorgio La Pira (1904-1977), il "sindaco santo" di Firenze e deputato democristiano dell'assemblea Costituente, tra i padri della Carta repubblicana.

L'Edizione Nazionale degli scritti, promossa dall'omonima commissione ministeriale costituita presso la direzione generale biblioteche e istituti culturali del ministero per i beni e le attività culturali, è pubblicata dalla Firenze University Press, casa editrice dell'Ateneo fiorentino. “Censire, raccogliere e pubblicare tutti gli scritti che La Pira ci ha lasciato è il frutto di un lavoro lungo e laborioso, che risponde al generoso proposito di consegnare ai posteri una summa ordinata e ragionata di questo inestimabile patrimonio”, le parole del premier, che si è detto “felice” di “fare ritorno in un luogo a me molto caro, l’Università di Firenze, nella quale ho intessuto, nella mia vita accademica, relazioni autentiche e costruttive, soprattutto con gli studenti”.

L'incontro è stato aperto dai saluti del rettore dell'Università di Firenze, Luigi Dei, e dal presidente della Commissione ministeriale, Diana Marta Toccafondi. Paolo Grossi, presidente emerito della Corte Costituzionale, ha tenuto una lectio dal titolo "Le architetture di Giorgio La Pira”.

Elettra Gullè