Firenze, 29 luglio 2015 - Droga: operazione 'Mexcal'. E' stato smantellato un traffico internazionale di sostanze stupefacenti: sequestrati 54 chili di cocaina per un valore di oltre 10 milioni euro e sono state fermate dodici persone. Si tratta di imprenditori pisani e pregiudicati appartenenti alla cosiddetta 'Mala del Brenta".

L'operazione è stata portata a termine dai finanzieri del Comando provinciale di Pisa, con la collaborazione dei colleghi dei reparti territorialmente competenti e ha interessato le province di Pisa, Firenze, Lucca, Livorno, Massa, La Spezia e Ferrara. Il provvedimento, emesso dalla Procura della Repubblica di Firenze Direzione distrettuale antimafia, diretta dal procuratore capo Giuseppe Creazzo nell'ambito di una indagine coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica, Angela Pietroiusti, riguarda 12 persone di origine italiana e colombiana, accusate, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanza stupefacente.

Le attivita' investigative, condotte dai militari del nucleo di polizia tributaria di pisa, e coordinate dalla Dda della Procura della Repubblica di Firenze, sono iniziate nella seconda meta' del 2014 ed hanno consentito di portare alla luce l'esistenza di una nascente organizzazione criminale, multietnica, con base operativa nella provincia di Pisa. In particolare il sodalizio criminale aveva pianificato di far giungere dalla Colombia, sistematicamente nel tempo, consistenti carichi di cocaina in Italia nascondendola all'interno di container dietro appositi carichi di copertura.

L'attivita' investigativa  ha invece consentito di sequestrare subito il primo dei carichi importati pari a 54,450 chili  di cocaina purissima ed acquisire le fonti di prova per poter smantellare l'intera organizzazione. Per ricostruire la rotta del narcotraffico, i finanzieri del Nucleo PT di Pisa si sono serviti di attivita' di intercettazione e servizi di osservazione e pedinamento. Importante l'apporto fornito dalla direzione centrale per i servizi antidroga.

La struttura delinquenziale era articolata su tre gruppi: uno composto da cittadini italiani, imprenditori del settore della lavorazione delle pelli e del trasporto di merci, stanziati nelle province di Pisa e Firenze, che schiacciati dalla crisi economica che ha investito il Paese, ha pensato di risollevare le sorti delle proprie aziende investendo nell'illecito settore del traffico internazionale di sostanze stupefacenti andando a reperire le risorse finanziarie per l'acquisto della droga; uno composto da cittadini italiani, pluripregiudicati gia' appartenenti alla cosiddetta 'Mala del Brenta', stanziati nella provincia di Ferrara, che ha instaurato e sviluppato i rapporti con una potente organizzazione di narcotrafficanti colombiani, per organizzare ingenti importazioni di droga. L'ultimo composto da cittadini colombiani, che gestiva la vendita e la spedizione dello stupefacente dal Sud-America. La sostanza sequestrata, dal valore nel mercato illecito dello spaccio di circa 10 milioni di euro, era destinata ad essere immessa, quasi interamente, nella Regione Toscana e, in maniera residuale, in altre Regioni del nord e centro Italia.