Quotidiano Nazionale logo
12 mag 2022

Carrai, avanti tutta dopo il sì di Enac "Adesso puntiamo ai soldi del Pnrr"

Il presidente di Toscana Aeroporti conferma che la pista di 2200 metri basta allo sviluppo dell’aeroporto. Le speranze del nuovo Decreto Semplificazione: "Dovremmo poter accelerare l’iter burocratico"

olga mugnaini
Cronaca

di Olga Mugnaini "Un passo importante. Adesso, dopo l’ok dell’Enac sulle linee guida per la pista, l’altro step è l’approvazione del masterplan e l’avvio delle procedure Via Vas". Marco Carrai, presidente di Toscana Aeroporti, sa che ci vorrà ancora pazienza, che la strada è lunga prima di veder decollare gli aerei dalla nuova pista di Peretola. Ma sa anche che l’unica possibilità è procedere con pazienza, una tappa dopo l’altra. "Intanto è in corso un nuovo ’Decreto Semplificazione’ – prosegue Carrai – che dovrebbe sveltire molti passaggi burocratici, pur rispettando e approfondendo tutte le necessarie valutazioni ambientali. Vediamo che cosa contiene sul fronte delle infrastrutture aeroportuali, con la speranza di poter accelerare tutti gli iter". L’altro aspetto importante su cui Toscana Aeroporti sta lavorando è quello dei finanziamenti. E mentre si tira un sospiro di sollievo per i complessivi 150 milioni ottenuti dalla legge “Sblocca Italia“, dall’altra si sta cercando di capire se nel mare magnum del Pnrr ci sia qualche linea di contributo per il traffico aereo: "In questa prima trance non ci sono finanziamenti - afferma Carrai – ma la seconda potrebbe aprire spiragli e quindi faremo in modo di avere un progetto affine alle indicazioni europee e intercettare qualche risorsa del Pnrr". Ma la riduzione della pista da 2400 a 2200 metri? Che cosa succede alle prospettive dello scalo fiorentino con questa decisione dell’Enac? L’addio al progetto della pista alla parallela convergente da 2.400 metri, sostituita dall’obliqua declinata, lunga 2.200 metri, non rappresenta alcun problema per lo sviluppo di Peretola: "No, i duecento metri in meno non sono un problema – spiega ancora il presidente di Toscana Aeroporti –, perché ormai, in tutti questi anni che parliamo di ampliamento, la tecnologia è progredita e permette agli aerei di operare in minor spazio rispetto a una volta. Quindi possiamo mantenere le stesse ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?