Palazzuolo sul Senio (Firenze), 22 giugno 2021 - "Stamani ci siamo svegliati e non lo abbiamo trovato nel letto": avrebbero detto questo ai carabinieri i genitori del bambino di due anni scomparso nella notte tra lunedì e martedì a Campanara, località nel comune di Palazzuolo sul Senio, in provincia di Firenze. Di Nicola Tanturli si sono perse le tracce e la sua scomparsa è un mistero.

Il bambino vive con i genitori in una comunità che si è sistemata ormai dagli Anni Ottanta a ottocento metri di altitudine, in un luogo piuttosto remoto e poco raggiunto da copertura internet.

image

La famiglia stamani si è svegliata come sempre ma, secondo il racconto, il piccolo non era nel suo letto. Il casolare in cui abitano è circondato dalla vegetazione ed è raggiunbibile soltanto attraverso una strada sterrata.

I cani molecolari hanno fiutato i vestiti del piccolo e ora, grazie al loro olfatto, cercano di distinguere e di seguire quell'odore negli alpeggi e nei prati dove il piccolo era solito stare con i genitori. 

Cosa è accaduto nella notte? E' quello che si cerca di capire, con le ricerche a cui partecipano vigili del fuoco e unità cinofile. Indagano i carabinieri. I genitori, non trovando il piccolo nel letto hanno subito dato l'allarme. Tra gli altri, sul luogo della scomparsa c'è anche il sindaco di Palazzuolo sul Senio.

Sono circa duecento, secondo il primo cittadino, le persone che partecipano alle ricerche tra carabinieri, vigili del fuoco, soccorso alpino, protezione civile e volontari. "Stiamo cercando ovunque, ma il piccolo sembra sparito nel nulla, sembra impossibile...", dice Stefano Rinaldelli, presidente del Soccorso Alpino Speleologico Toscano.