Firenze, 23 febbraio 2019 - La mobilità di Firenze è sempre più sostenibile, grazie a trenta nuovi autobus ibridi, più confortevoli e più sicuri. Questi veicoli sono dotati anche di un sistema di video sorveglianza a bordo a tutela della sicurezza dei viaggiatori e del personale, e di monitor che forniscono informazioni e notizie legate al servizio di trasporto e all’esperienza di viaggio. Non solo.

Questi trenta nuovi mezzi ibridi coniugano gli elevati standard prestazionali, il comfort e la sicurezza con l’ecosostenibilità, contribuendo a un ulteriore abbattimento dei consumi e delle emissioni inquinanti. I nuovi bus sono stati presentati nella splendida cornice di piazza Santa Croce, e all’evento hanno partecipato il sindaco di Firenze Dario Nardella, l’assessore ai trasporti della Regione Toscana, Vincenzo Ceccarelli, l’Amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Gianfranco Battisti, l’Amministratore delegato di Busitalia e presidente di Ataf Gestioni Stefano Rossi e l’Amministratore Delegato di Ataf Gestioni, Stefano Bonora.

L'inaugurazione

“Firenze è il modello italiano – ha dichiarato il sindaco Dario Nardella all’inaugurazione degli autobus in piazza Santa Croce -. Grazie a questi nuovi bus ibridi abbiamo la flotta più giovane e più green d’Italia e siamo l’unica città che è pienamente inserita negli standard europei per quanto riguarda sia la modernità degli autobus che il basso impatto ambientale. Da un lato le nuove linee della tramvia dall’altro autobus sempre più moderni, più comodi e meno inquinanti, fanno del trasporto pubblico fiorentino un modello a servizio dei cittadini di Firenze e di tutta l’area metropolitana”.

Gli autobus sono la versione ibrida del bus di 12 metri CitaroC2 realizzato dalla Mercedes, già in uso a Firenze nella versione alimentata a gasolio Euro6. Caratterizzata dal colore verde e dalla scritta Hybrid, sottolinea le caratteristiche di sostenibilità ambientale e rimarca l’attenzione del Gruppo FS Italiane per l’integrazione modale mantenendo l’identità visiva dei bus extraurbani di Busitalia e dei treni regionali di Trenitalia

Acquistati da Ataf Gestioni, in applicazione del contratto ponte stipulato con la Regione Toscana, con un investimento di circa 7 milioni di euro, di cui circa il 60% finanziati dalla Regione, gli autobus sono dotati di importanti sistemi di video sorveglianza a bordo. Diventano quindi 197 i nuovi autobus che l’azienda di trasporto fiorentina, diretta e controllata dal Gruppo FS Italiane, ha messo in servizio per il trasporto pubblico a Firenze negli ultimi 5 anni con un rinnovo della flotta del 55%.

Per fare un esempio, nell’orario di punta il servizio è erogato per oltre il 73% con veicoli di ultima generazione. Questa tranche rappresenta un’ulteriore tappa del processo di rinnovamento che, grazie agli ingenti investimenti degli ultimi anni, ha portato l’Ataf Gestioni ad avere una flotta tra le più giovani, età media di 7 anni, ed ecosostenibili, circa l’80% della flotta elettrica, Euro 5/6 o metano, in Europa. L’attenzione ed una quota di investimenti, si sono spostati verso tecnologie a trazione alternative e più sostenibili, e questo si traduce nella progressiva introduzione di autobus ibridi ed elettrici. Questi autobus, grazie all’utilizzo di un motore elettrico e di supercapacitori in abbinamento al tradizionale motore endotermico, sono in grado di accumulare energia durante il loro funzionamento per poi rilasciarla in combinazione con il motore endotermico, con conseguente riduzione dei consumi e delle emissioni inquinanti.