Un cane della Sics Scuola italiana cani di salvataggio
Un cane della Sics Scuola italiana cani di salvataggio

Firenze, 5 dicembre 2018 - Cani  che aiutano le persone. Accade tutti i giorni, nei modi più svariati. Lo sappiamo bene. Ed è giusto che questo grandissimo aiuto sia valorizzato e premiato. E’ prorpio per questo motivo che per giovedì 6 dicembre nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio a Firenze è stata organizzata una iniziativa speciale: nel pomeriggio, a partire dalle 15, saranno consegnate le medaglie al valore cinofilo a cani protagonisti di episodi di salvataggio e ai loro conduttori.

L’idea di questa premiazione è partita dalla Sics, la Scuola italiana cani salvataggio e ha avuto il patrocinio del Comunedi Firenze, della Regione Toscana, del Consiglio Regionale della Toscana, della Città Metropolitana di Firenze e dell’Ordine dei Medici Veterinari di Firenze e Prato. «LA SICS - spiega Salvo Gennaro, presidente della Scs Scuola cani salvataggio Firenze onlus - è la principale organizzazione nazionale e internazionale, in regime di volontariato, dedita alla formazione e all’addestramento di unità cinofile destinate principalmente al soccorso in acqua. Alla cerimonia parteciperanno le unità cinofile provenienti da tutta Italia».

Nel Salone dei Cinquecento vedremo dunque sfilare - con grande ordine e sotto il controllo dei loro conduttori - tantissimi stupendi cani da salvataggio. Ecco alcune delle unità cinofile che saranno premiate. In onore degli organizzatori partiamo proprio dalla Sics: cani e conduttori saranno premiati per vari salvataggi. Quello di un uomo che il 21 agosto scorso sulla spiaggia di Ponente di Forte dei Marmi aveva perso conoscenza ed è stato rianimato da Ilaria Bacchi. I cani bagnino coinvolti in quella situazione sono stati il golden retriever Brando, con il conduttore Sandro Petrillo, il labrador Iole con la conduttrice Ilaria Bacchi, infermiera professionista. E quello di una signora, lo scorso 22 luglio a Sant’Agostino, sul litorale laziale, che con il mare mosso era entrata in una buca. In quel caso il cane bagnino coinvolto è stato il golden retriever Lizzy con il suo conduttore Luca Gaborin dell’unità cinofila Scs Firenze; quel giorno si trovava nel Lazio perché stava frequentando un corso di formazione presso l’Accademia di Tarquinia Sics.

Tra gli altri premiati (impossibile citarli tutti) l’istituto Vespucci Colombo di Livorno per “meravigliosamente-diversi, un canotto salvagente”, un progetto di alternanza scuola-lavoro; Trisomia 21 Firenze per iniziative e progetti tesi a sostenere l’autostima attraverso il rapporto autorevole che si può stabilire con il cane, stimolare alla partecipazione ed attività di gruppo e all’interazione con gli altri; il Comando Provinciale dei vigili del fuoco di Livorno, l’Accademia Navale di Livorno, il Comando Regionale Carabinieri Forestali, l’ente Parco nazionale Arcipelago Toscano, l’ammiraglio ispettore Antonio Basile della Guardia Costiera, il generale di Brigata Giuseppe Vadalà attuale commissario straordinario discariche abusive territorio nazionale, il colonnello Gianfranco Di Fiore Comandante Nucleo nazionale cinofilo carabinieri di Castello (Firenze), il maggiore Massimo Anedda Comandante Sezione aerea Guardia di Finanza di Pisa, il Florence Dragon Lady di Firenze.