Quotidiano Nazionale logo
15 mag 2022

Abbiamo bisogno di esempi buoni, ora più che mai

don francesco
Cronaca

Don Francesco

Vermigli

Quante volte ci stupiamo se vediamo qualcuno che dice una cosa e ne fa un’altra! È la storia vecchia quanto il mondo del “predicare bene e razzolare male”. Nella nostra richiesta di autenticità, c’è qualcosa di profondo e vero. Un appello che ci facciamo gli uni gli altri ad essere testimoni autentici: a fare le stesse cose che professiamo. Questo è quello a cui invita Gesù nel Vangelo di questa quinta domenica di Pasqua (Giovanni 13,31-35). Così dice: "da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri". L’amore reciproco è il segno dell’appartenenza a Gesù, il segno che vogliamo stare dalla sua parte. Ed è anche il segno che nonostante le fatiche delle nostre relazioni, ancora abbiamo fiducia di poter costruire insieme agli altri una società più buona e pacifica. Non solo. Questo amore reciproco tra coloro che vogliono seguire Gesù, è anche un segno profetico, quando ci sentiamo dentro ad un mondo fatto di odio e sopraffazione. Ma, come si diceva, si tratta di un appello alla coerenza. Tra le mille vicende della nostra vita, se mancano questi segni di coerenza e amore, manca uno sguardo diverso, una testimonianza diversa, un orizzonte diverso. Abbiamo bisogno di esempi buoni, che tu guardi e riconosci come persone che fanno bene al nostro mondo. C’è una celebre frase di Paolo VI che risuona vera più che mai oggi: "Il mondo moderno non ha bisogno di maestri, ma di testimoni". Ha bisogno di testimoni di un amore forte e autentico. Segni di speranza e di verità.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?