Scuole ancora chiuse. E ora si contano i danni

Il sindaco Barnini ha firmato una nuova ordinanza. Restano molte criticità. L’assessore Marconcini: "I cittadini hanno dimostrato responsabilità" .

Scuole ancora chiuse. E ora si contano i danni
Scuole ancora chiuse. E ora si contano i danni

EMPOLI

Anche oggi scuole chiuse per gli studenti, ma il personale potrà recarsi negli edifici e favorire il ripristino delle condizioni di normalità per la riapertura di lunedì. Lo ha annunciato il sindaco Brenda Barnini, dopo aver monitorato la situazione meteo per tutta la giornata di ieri. "Considerato il perdurare dello stato di allerta e i grossi danni sul territorio comunale e in alcuni edifici pubblici ho emanato una nuova ordinanza che prevede la chiusura di parchi e giardini, cimiteri e degli impianti sportivi e la sospensione delle attività scolastiche". Anche se con il trascorrere delle ore la maggior parte delle criticità è stata risolta restano ancora situazioni da monitorare e condizioni da ripristinare. Massima prudenza, per esempio, per quanto riguarda gli spostamenti in auto per la fanghiglia ancora presente in alcuni tratti stradali.

Barnini ha anche espresso "a nome dell’amministrazione e della comunità, cordoglio e vicinanza alle famiglie delle vittime che questo evento climatico straordinario ha portato via con sé". Quindi ha ringraziato "tutti coloro che in queste ore non si sono risparmiati per la sicurezza della nostra comunità e che sono ancora in campo per il bene di tutti".

La protezione civile dell’Empolese Valdelsa con i volontari di Pubbliche assistenze Empoli e Misericordia Empoli, polizia municipale, vigili del fuoco, insieme alle squadre dell’amministrazione comunale, hanno gestito un centinaio di richieste di intervento per alcuni alberi caduti senza danneggiare persone o cose, allagamenti alle strade, ad alcuni scantinati e garage, qualche abitazione. Il Centro operativo comunale da via Del Castelluccio ha coordinato le operazioni per tutta la giornata e nottata. "I cittadini – ha aggiunto l’assessore all’Ambiente e Protezione civile, Massimo Marconcini – hanno dimostrato responsabilità e predisposizione a dare una mano. Sono stati preziosi, si sono attenuti a quello che gli veniva chiesto di fare come per esempio ad Avane e lo hanno fatto senza allarmismi. A Sant’Andrea sono state fondamentali le segnalazioni per un pino che stava cadendo e siamo potuti intervenire tempestivamente e farlo rimuovere. Continua lo stato di allerta e restiamo in campo per garantire sicurezza".

Irene Puccioni