Uno schianto a tal punto violento che la moto si è fermata in un campo adiacente la carreggiata stradale, ’appoggiata’ ai pali di sostegno di un grosso cartello pubblicitario, mentre l’altro veicolo, un Ape Car, si è ribaltato, sull’asfalto, restando immobile sulla fiancata lato passeggero. Una scena drammatica quella che si è palesata agli occhi dei soccorritori...

Uno schianto a tal punto violento che la moto si è fermata in un campo adiacente la carreggiata stradale, ’appoggiata’ ai pali di sostegno di un grosso cartello pubblicitario, mentre l’altro veicolo, un Ape Car, si è ribaltato, sull’asfalto, restando immobile sulla fiancata lato passeggero. Una scena drammatica quella che si è palesata agli occhi dei soccorritori accorsi. nella tarda mattinata di ieri, sulla Provinciale che attraversa la frazione vinciana di Petroio.

Lo schianto fra i due veicoli è avvenuto all’altezza del campo sportivo: due le persone rimaste ferite in modo grave. Uno di loro, il conducente dell’Ape Car, R.G., 76 anni, residente a Vinci, è stato trasportato in elisoccorso all’ospedale fiorentino di Careggi: nell’impatto, secondo le prime informazioni raccolte, avrebbe riportato un serio trauma cranico. Il motociclista, un 36enne anche lui vinciano di residenza, A.T. le sue iniziali, è stato invece trasportato in ambulanza al vicino ospedale San Giuseppe di Empoli: nell’impatto, sulla cui dinamica ci sono accertamenti in corso, ha riportato vari traumi, fra i quali, a quanto appreso, anche la frattura esposta di una gamba.

Sul posto, è intervenuta la polizia municipale dell’Unione dei Comuni, a lungo impegnata nello svolgere rilievi e accertamenti mirati ad accertare che cosa sia realmente accaduto ed eventuali responsabilità. Anche alla luce della gravità delle condizioni delle due persone coinvolte nello scontro, i mezzi sono stati posti sotto sequestro mentre, come da prassi, sono stati richiesti dalle forze dell’ordine anche gli accertamenti tossicologici.

Intanto si riaccendono i riflettori sulla Provinciale e le sue condizioni di sicurezza: più di una volta, in passato, la strada in quel punto battezzata via Montalbano è stata infatti teatro di incidenti, in alcuni casi, anche dall’esito fatale.