Nuovo teatro, si va in scena. C’è la firma per il maxi appalto. I lavori entro l’estate del 2024

Scatto decisivo per l’intervento da 9 milioni di euro finanziato interamente dal Pnrr. Barnini esulta: "Sarà un vero motore di sviluppo". Terreni: "Un sogno che diventa realtà".

Nuovo teatro, si va in scena. C’è la firma per il maxi appalto. I lavori entro l’estate del 2024
Nuovo teatro, si va in scena. C’è la firma per il maxi appalto. I lavori entro l’estate del 2024

Un colpo di scena. Anzi, un colpo di teatro. Proprio sul finire dell’anno arriva un’accelerata per il progetto del nuovo teatro comunale di Empoli. Quello che qualche anno fa era un grande sogno, adesso è vicino a diventare realtà. E c’è già una data per l’inizio dei lavori, fissata entro l’estate del 2024. La svolta è arrivata nelle ultime settimane con l’approvazione da parte della giunta del progetto definitivo per un costo totale di 9 milioni di euro completamente finanziato con fondi Pnrr. Dopo la gara svolta da Invitalia, ieri si è firmata la determina di aggiudicazione dell’appalto integrato che comprende il progetto esecutivo e l’esecuzione dei lavori da parte di Cns (Consorzio nazionale servizi) con sede a Bologna. Insomma, un bel passo in avanti per il nuovo Ferruccio e per la riqualificazione urbana dell’intera area di piazza Guido Guerra, che porterà alla realizzazione di un edificio aperto ai cittadini, ispirato alla storia e al tessuto socio-economico della città. Spazzati via anche i dubbi legati all’erogazione dei finanziamenti del Pnrr, fondamentali per l’esito del progetto.

"Il teatro che nasce oggi non è semplicemente un palcoscenico con delle sedie davanti, ma vuole rappresentare un motore di sviluppo per Empoli, uno spazio dove la cultura non è solo intrattenimento ma una infrastruttura portante della comunità – commenta la sindaca Brenda Barnini –. Oggi facciamo l’ultimo e significativo passo nella direzione di città sempre più capace di concepire la cultura come un pezzo dello stato sociale e dell’economia allo stesso tempo". Nella progettazione definitiva il nuovo teatro ’Il Ferruccio’ è stato riposizionato in modo che ’la piega’ figlia del progetto di fattibilità a forma di ‘navicello’, acquisisca più forza allineandosi con l’asse di via Ridolfi, una delle vie principali della città che definisce il cosiddetto ’giro di Empoli’. "La costruzione del nuovo teatro non è più un sogno – afferma Giulia Terreni, assessore alla Cultura del Comune di Empoli –, ma nel 2024 diventerà realtà. Empoli avrà finalmente uno spazio idoneo dove la musica e la prosa saranno le protagoniste, ma non solo. Sarà la sede della cultura per tutta la città. Tanti sono i progetti portati avanti dall’amministrazione in questi anni, e questo è forse, il tassello più importante che mancava da troppo tempo".

Un altro elemento imprescindibile del progetto è il tema del vetro, la storia che legava e che lega tutt’oggi il tessuto socio-economico della città a questo materiale è di primaria importanza. La struttura dunque avrà un’impronta che ricorderà il vetro e l’Arno che grazie alle proprie sabbie dona il caratteristico colore verde del vetro di Empoli, portando l’esperienza particolare dell’artigianato locale alla scala architettonica. L’obiettivo è creare un edificio aperto e inclusivo che assuma il ruolo di matrice per la rigenerazione urbana dell’area, con la possibilità, utilizzando materiali, tecnologie e maestranze del luogo, di donare all’edificio una forte valenza identitaria per i cittadini.

"A conferma di quanto avevamo già annunciato nei mesi precedenti, finalmente prende il via il progetto del nuovo parco culturale – dichiara Tamara Guazzini, vice presidente del comitato ’Amici del Teatro Il Ferruccio’ –. Con la firma della determina di aggiudicazione dell’appalto, il nostro sogno presto si trasformerà in realtà e questo ulteriore passo verso la sua realizzazione rinnova in tutti noi del comitato, la voglia di continuare a coinvolgere i cittadini, oltre ai tanti che già lo hanno fatto, in questa bellissima impresa".