La sfida Mantellassi-Masi. Oggi il confronto pubblico

La Nazione ha organizzato l’incontro nella corsa verso il ballottaggio. Sul palco ecco i due candidati per un momento di riflessione e analisi.

La sfida Mantellassi-Masi. Oggi il confronto pubblico

La sfida Mantellassi-Masi. Oggi il confronto pubblico

Un secondo appuntamento con le urne, un impegno importante per gli empolesi che sono chiamati a esprimersi per la scelta del loro sindaco. Il ballottaggio è un inedito nella storia della città che ha lasciato l’amaro in bocca a qualcuno e fatto gioire qualcun altro. Ma questa è la democrazia. Quella democrazia che porterà a un ulteriore passaggio elettorale fissato per il 23 e il 24 giugno. Ai due candidati sindaco in corsa resta ormai una decina di giorni per riprendere – dopo il silenzio elettorale imposto dal primo turno – il dialogo con la cittadinanza.

Per accompagnare Alessio Mantellassi, candidato della coalizione di centrosinistra (Pd, Azione con Calenda-Empoli sul serio, Questa è Empoli, Alessio Mantellassi sindaco), e Leonardo Masi, candidato di Movimento 5 Stelle, SIAmo Empoli e Buongiorno Empoli, la redazione de La Nazione di Empoli ha ideato un incontro pubblico aperto alla cittadinanza.

L’appuntamento è fissato per le 15 di oggi negli spazi della Misericordia di via Cavour, civico 32, segnatamente nella Sala delle assemblee. L’incontro, come già detto, è pensato, organizzato e moderato dalla redazione empolese del nostro, anzi del vostro, quotidiano.

Tanti gli obiettivi: analizzare insieme l’esito del voto – quanto è avvenuto, perché e quanto potrà accadere –, scoprire i prossimi possibili scenari, ma anche rifare il punto su programmi e priorità. L’intenzione è semplicemente quella di offrire un servizio pubblico, di fare informazione, di creare un momento sereno di condivisione e riflessione verso il rush finale. Cercheremo di farlo come sempre con professionalità, serietà e in modo oggettivo, equilibrato, senza presunzione o velleità alcuna. Nello stile sobrio che ci contraddistingue, lavorando in un clima generale di ascolto e di rispetto della persona. Valori imprescindibili affinché un confronto non si trasformi in uno sterile scontro.

Il messaggio è chiaro: le regole per chi partecipa sono quelle del sano esercizio democratico, sfruttando questo ultimo spazio collettivo per l’approfondimento, così come già progettato e realizzato in occasione dell’iniziativa di confronto tra i cinque candidati sindaco all’inizio della campagna elettorale.

elisa capobianco