Empoli, la sindaca impone a dieci negozi di chiudere alle otto di sera

Le ordinanze del Comune dopo gli episodi di degrado e microcriminalità delle ultime settimane. Nel mirino minimarket, bar e pizzerie kebab

Brenda Barnini

Brenda Barnini

Empoli, 5 febbraio 2024 – La sindaca di Empoli, Brenda Barnini, nelle scorse ore ha firmato nove ordinanze di limitazione temporanea degli orari di apertura di altrettanti esercizi commerciali in piazza Farinata degli Uberti, via Spartaco Lavagnini, via Del Papa, via Marchetti e nella zona della stazione. Una ulteriore ordinanza, la decima, è in corso di stesura.

I provvedimenti dispongono alle attività interessate di osservare come orario di chiusura dell'esercizio commerciale le ore 20 per la durata di tre mesi a decorrere dal giorno successivo alla data di notifica dell'ordinanza stessa. Si tratta della prima volta che in città vengono decisi provvedimenti di questo tipo.

La decisione di Barnini arriva dopo i fenomeni di degrado e microcriminalità registrati nelle ultime settimane. Non è il primo provvedimento in questo senso: da ricodare la proroga dell'ordinanza che stabilisce il divieto di consumo di bevande alcoliche in piazza Don Minzoni e nelle zone adiacenti la stazione ferroviaria in vigore fino al 9 gennaio 2025.

Gli esercizi destinatari delle ordinanze sono minimarket, bar e pizzerie kebab.

"Finalmente - sottolinea Barnini - si arriva alla firma di queste ordinanze, provvedimenti decisi per la prima volta nella nostra città, concretizzando un impegno preso con la cittadinanza nei mesi scorsi nel corso di incontri pubblici dedicati al tema della sicurezza e del contrasto al degrado, in particolare in zona stazione. In questi mesi, abbiamo lavorato affinché potessimo mettere nero su bianco questi provvedimenti, non siamo mai stati fermi. Abbiamo stimolato le attività di controllo da parte non solo della polizia municipale ma anche delle forze dell'ordine, della Guardia di finanza, dell'Asl, per avere una ricognizione di tutti i profili di possibili infrazioni e sulla base anche e soprattutto delle relazioni che questo tipo di controllo capillare ha prodotto abbiamo potuto in sede di Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica sottoporre alla Prefettura la firma di queste ordinanze". Ma l'azione dell'amministrazione comunale va oltre le stesse ordinanze. "Questi provvedimenti hanno una durata di tre mesi - continua la sindaca Barnini - ma chiederò agli uffici comunali di lavorare a una modifica del regolamento del commercio, proprio sul tema degli orari, che consenta di mantenere questo 'limite' anche oltre la scadenza dell'ordinanza stessa inserendo appunto una modifica permanente delle 'regole' di apertura delle attività".

"I temi che riguardano la tutela della sicurezza, dell'ordine pubblico e del decoro sono temi che in questo momento investono tutte le città, grandi e piccole - conclude la sindaca Barnini - E come amministrazione non ci siamo mai nascosti rispetto all'esigenza di non essere 'passivi', ma anzi di mettere in campo tutto quello che può essere il nostro impegno diretto, dagli investimenti in videosorveglianza a quelli per la riqualificazione degli spazi pubblici così da renderli più accoglienti e illuminati, penso anche a quanto è in atto in questo momento proprio nella zona della stazione ferroviaria".