Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
1 ago 2022

Il video dell’intimità di coppia finisce nella chat del calcetto. "Occhio, è un reato"

Lo psicologo Di Gesto e l’avvocato Puliti analizzano il fenomeno in crescita. "Formazione anche nelle scuole per prevenire questi reati"

1 ago 2022
carlo baroni
Cronaca
Indagini della polizia sui reati commessi con mezzi informatici (foto d’archivio)
Indagini della polizia sui reati commessi con mezzi informatici (foto d’archivio)
Indagini della polizia sui reati commessi con mezzi informatici (foto d’archivio)
Indagini della polizia sui reati commessi con mezzi informatici (foto d’archivio)

Empoli, 2 agosto 2022 - Una coppia di fidanzati filma un rapporto intimo. Lui, però, dopo gira il video ad un amico. Un mero atto di vanto e di cameratismo. E quest’ultimo lo inoltra sul gruppo del calcetto. Il dramma si consuma così. Il fatto, da una parte, diventa indagine penale – dopo la querela di lei – e, dall’altra, diventa un percorso psicologico per la ragazza: un trauma da rielaborare, un tunnel da oltrepassare, per recuperare una normalità infranta dalla percezione della vergogna (non forniamo riferimenti specifici a tutela dell’identità della vittima). Il problema però è anche più ampio. Molto. La nuova normalità portata dalla pandemia e la didattica a distanza hanno acuito il senso di isolamento dei ragazzi: sempre più presenti on-line, eppure ancora più soli ed esposti agli attacchi della rete, pericolosa cassa di risonanza per bullismo e cyberbullismo, due fenomeni in preoccupante ascesa. Nel 2021, complice il raddoppio del tempo trascorso "connessi", il numero di casi di vessazioni online fra ragazzi è cresciuto di oltre il 60%: in Italia – secondo gli ultimi dati – ne è vittima il 37% degli studenti fra i 13 e i 15 anni, con circa il 31% dei giovani che ha subito violenza fisica. Ne parliamo con lo psicologo Cristian Di Gesto, perfezionato in bullismo e cyberbullismo, e con l’avvocato Giulia Puliti, che, ad ottobre, in collaborazione con il Centro Co.Me.Te. di Empoli, saranno tra i docenti di tre giornate formative, dedicate alla prevenzione di questi fenomeni, rivolte a psicologi, avvocati, insegnanti, assistenti sociali e mediatori familiari. "Il caso della ragazza il cui rapporto intimo è finito nel gruppo degli amici del fidanzato - spiega il dottor Di Gesto - è un esempio lampante del problema legato al rapporto inconsapevole, e potenzialmente pericoloso, dei giovani con la rete". «Fenomeno in crescita ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?