Empolese Valdelsa, 22 novembre 2020 - Il virus causa altri due decessi nell’Empolese Valdelsa. Si tratta di un 87enne di Vinci deceduto all’ospedale empolese San Giuseppe e di una donna di 89 anni che si trovava ricoverata al Santo Stefano di Prato. Sul fronte contagi i numeri dei nuovi casi accertati sono fortunatamente in calo: 83 quelli rilevati nelle ultime 24 ore, così distribuiti, dieci a Castelfiorentino, due a Capraia e Limite, otto a Cerreto Guidi, cinque a Certaldo, ventisei a Empoli, dodici a Fucecchio, uno a Gambassi Terme, uno a Montaione, nove a Montelupo, cinque a Montespertoli e quattro a Vinci.

Per quanto riguarda i posti letti, migliora la situazione al San Giuseppe, dove nella giornata di venerdì si era registrato il tutto esaurito. Ieri, invece, ci sono state alcune dimissioni e si sono liberati sette posti dei 144 nel reparto Covid a disposizione. Anche in terapia intensiva Covid risultava un posto libero dei 20 disponibili. Un respiro di sollievo nell’emergenza.

C’è poi il capitolo delle case di riposo, continuano i monitoraggi nelle rsa da parte dell’Asl Toscana centro nelle strutture in cui sono stati rilevati ospiti positivi. Purtroppo questa seconda ondata sta mietendo tante vittime tra gli anziani residenti in case di riposo dell’Empolese Valdelsa Il bilancio, provvisorio, è impietoso e conta già 38 decessi, 26 dei quali riguardano Villa Serena di Montaione, 10 la Vincenzo Chiarugi di Empoli, uno a L’Abbraccio di Limite sull’Arno, uno alla Ciapetti di Castelfiorentino. Gli aggiornamenti dalle varie strutture fotografano situazioni ancora complicate.
Alla Rsa castellana, per esempio, la maggior parte degli ospiti è stazionaria, ma tre hanno febbre alta e hanno bisogno di un po’ più di ossigeno, ma nel complesso la situazione è stabile. La "Chiarugi" ha accolto alcuni ospiti positivi de "Le Vele" di Fucecchio. Alla Rsa "Il Castello" di Montelupo, Covid free, le volontarie dell’Auser insieme all’amministrazione comunale si sono organizzate per non lasciare soli gli anziani, ‘blindati’ all’interno a causa dell’emergenza sanitaria.

«Aspettando momenti migliori, insieme alla presidente Annalisa Nozzoli e alle volontarie dell’Auser – spiega l’assessore alle politiche sociali, Stefania Fontanelli - abbiamo registrato dei filmati e li abbiamo inviati alla struttura per fare arrivare i saluti del sindaco Paolo Masetti e della comunità. Sono pronte altre iniziative per tenere compagnia agli anziani, sperando di tornare presto ad abbracciarci, ridere e cantare insieme".
Irene Puccioni